traduzione mancante: en.general.general.skip_content

Il carrello

Chiudi Carrello

Biofotoni: la luce nelle nostre cellule

Joe Dispenza / 03 luglio 2015

Biophotons: The Light in Our Cells

Ci sono trilioni di cellule che compongono il tuo corpo. Per il momento voglio che tu ne pensi solo a uno. Quella cella è incredibilmente occupata. Solo nell'ultimo secondo si sono verificate oltre 100,000 reazioni chimiche in questa cella. Ora, fai un passo indietro e considera il tuo corpo nel suo insieme. L'enorme quantità di attività che accade dentro di te in un dato momento è quasi incomprensibile. Con così tante informazioni che vengono elaborate tutte in una volta, è giusto chiedersi come funziona il tutto.

Il consenso nella comunità scientifica era solito concentrarsi su un approccio meccanicistico per spiegare il funzionamento interno del tuo corpo. In questo modello, si presumeva che le reazioni molecolari seguissero una formula molto lineare. Essenzialmente l'evento A produce l'evento B che produce l'evento C, ecc. In questa teoria il corpo umano non è un sistema fluido, in continua evoluzione, ma statico, governato da un insieme di regole rigide in cui le leggi di attrazione e repulsione molecolare le accuse gestiscono lo spettacolo.

Nei 1970s Fritz Popp e un team di ricercatori dell'Università di Marburg ha iniziato a lavorare con i biofotoni. I biofotoni sono considerati emissioni fotografiche ultra deboli (UPE). Il lavoro di Popp ha trasformato la nostra comprensione dei biofotoni e del ruolo che svolgono. A un certo punto i biofotoni erano considerati sottoprodotti di reazioni chimiche all'interno del nostro DNA. Ora sappiamo che i bifotoni emessi dalle nostre cellule sono energia altamente coerente che potrebbe essere responsabile del funzionamento dei nostri sistemi biologici.  

Potresti aver sentito parlare di un concetto in natura chiamato bioluminescenza per cui un animale come una medusa o una lucciola emette luce. I biofotoni cadono in un regno simile di bioluminescenza. Tuttavia, la luce proveniente dal nostro corpo è molto debole - invisibile ad occhio nudo - e può essere misurata solo con potenti strumenti scientifici.

La ricerca sui biofotoni solleva alcune interessanti possibilità. Scienziato russo Sergey Mayburov osservato un lotto di uova di pesce e rane. Ha scoperto che i biofotoni comunicano con raffiche brevi, sincronizzate e quasi periodiche. Precedenti esperimenti hanno dimostrato che le uova di pesce immagazzinate in luoghi diversi erano in grado di sincronizzare il loro sviluppo attraverso l'uso di biofotoni. Questa idea di comunicazione non locale tra i sistemi suggerisce che la luce emessa dalle nostre cellule può trasportare informazioni che trascendono il pensiero corrente principale su come funzionano i nostri sistemi biologici.

Mayburov paragona questa forma di comunicazione al modo in cui il software di correzione degli errori invia dati binari su un canale rumoroso e incoerente. L'obiettivo nell'esempio di Mayburov è riportare il sistema a un funzionamento coerente e questo è importante se si considera il potenziale di biofotoni nel corpo umano. Poiché tutte le frequenze trasportano informazioni, ha senso che l'energia coerente di questa luce possa organizzare e influenzare la materia in un equilibrio più sano.

Ricorda, la coerenza si riferisce a una frequenza altamente strutturata e organizzata. Pensa a un drum circle in cui tutti i musicisti lavorano allo stesso ritmo e beat. Questa musica è sincronizzata, organizzata e facile per le orecchie. Questa è coerenza. Ora, immagina alcuni di quei batteristi che suonano a una velocità diversa o che mettono l'accento sulla nota sbagliata. Questa musica è confusa e molto più difficile da capire o apprezzare. Questa è incoerenza.

Un altro scienziato russo di nome Peter Gariaev ha posizionato il DNA all'interno di un contenitore di quarzo e lo ha fulminato con un laser (una forma di luce molto coerente). Il DNA ha assorbito la luce e l'ha conservata per un massimo di trenta giorni all'interno di una spirale a forma di cavatappi in un preciso modello di luce che riflette il modello del DNA. Ancora più interessante è che la spirale di luce è rimasta nello stesso posto anche dopo il contenitore di quarzo e il DNA erano stati rimossi

Il lavoro di Gariaev suggerisce che una forza sconosciuta trattiene la luce. Una possibile spiegazione è che il DNA sta rispondendo a un campo energetico esterno. Questo campo energetico sta scambiando informazioni con le tue cellule sotto forma di luce. In sostanza, i nostri corpi funzionano come un'antenna gigante che invia e riceve costantemente segnali dal campo.

Questa ricerca suggerisce anche che tutti i sistemi biologici viventi, incluso noi, hanno il modello esatto del nostro corpo fisico immagazzinato in un campo di luce. Non dobbiamo cercare troppo a lungo per trovare esempi simili di questo fenomeno altrove in natura. Esperimenti condotti anni prima con le piante hanno dimostrato che quando una parte della foglia veniva tagliata, un campo di luce, come quello dei test di Gariaev, rimaneva ancora attorno al perimetro della foglia per un lungo periodo di tempo.

Il lavoro sui biofotoni sfida la nostra attuale comprensione dei processi cellulari. Nel modello newtoniano tradizionale, le reazioni chimiche nelle nostre cellule sono essenzialmente corridori in una staffetta che trasmettono informazioni in un momento e in un luogo specifici, proprio come i corridori si passano il testimone l'un l'altro. Se la ricerca sui biofotoni si rivela corretta, le nostre cellule si comportano molto più come una sinfonia.

Immagina un direttore d'orchestra che usa le mani e la bacchetta per inviare segnali sull'opportunità o meno di essere più forte o più silenzioso, più veloce o più lento. I musicisti rispondono con piccoli aggiustamenti che mantengono il brano scorrevole senza intoppi che spinge il direttore d'orchestra che spinge i musicisti e così via. Viste in questo modo, le nostre cellule hanno una relazione più simbiotica tra loro e con il mondo che le circonda.

Secondo la ricerca di Popp, la sinfonia delle cellule nel nostro corpo invia e riceve messaggi più velocemente della velocità della luce, il che sfida ulteriormente il vecchio modello newtoniano di come funzionano i nostri corpi. Il ritmo di questa interazione significa che è un fenomeno quantistico e deve essere valutato in modo diverso. In effetti, il campo relativamente nuovo della biologia dell'informazione si basa sulla convinzione che le cellule siano guidate da qualche campo esterno di informazioni e non siano regolate esclusivamente da cariche molecolari.

Ora, se i biofotoni nelle nostre cellule rispondono o meno a un campo energetico o qualcos'altro completamente è ancora oggetto di indagine. Tuttavia, sembra che abbiamo la capacità di influenzare la luce proveniente dal nostro corpo.

In uno studio recente, otto volontari sono stati collocati in una stanza buia e hanno chiesto di visualizzare un li luminosoght. I partecipanti sono stati monitorati con rilevatori di luce che hanno raccolto un'aura di particelle di luce provenienti dal lato destro del loro cervello. In un certo senso stavano migliorando la luce.

Cosa significa questo? Sappiamo che le nostre cellule emettono luce e che questa luce invia e riceve costantemente informazioni. Sappiamo anche che abbiamo almeno una certa capacità di influenzare questa luce. Se questo è vero, allora abbiamo accesso al centro di controllo della nostra mente e del nostro corpo. E se abbiamo accesso e influenza, allora abbiamo la capacità di cambiare noi stessi al livello più fondamentale migliorando la nostra luce.

Nei nostri seminari avanzati che si svolgono in tutto il mondo, abbiamo effettivamente misurato significativi cambiamenti positivi in ​​questo campo di luce invisibile con i nostri partecipanti e sembra essere direttamente correlato ai cambiamenti nella loro salute.

Noi crediamo

possibilità

il potere di cambiare noi stessi

la capacità del corpo di guarire

il raro

celebrare la vita

miracoli

un amore superiore

futuro

atteggiamento

prova

altro

l'invisibile

saggezza

I nostri figli

sincronicità

libertà

i nostri anziani

mente sulla materia

Credi? Unisciti al movimento

* Completando questo modulo ti iscrivi per ricevere le nostre e-mail e puoi cancellarti in qualsiasi momento