traduzione mancante: en.general.general.skip_content

Il carrello

Chiudi Carrello

Creare più sorprese e meno errori

Joe Dispenza / 29 agosto 2015

Il passato è un concetto interessante. Per definizione il "passato" si riferisce a un tempo che è già accaduto. Tuttavia, non è così che lo sperimentiamo nelle nostre vite. Abbiamo la capacità di rivivere gli eventi più e più volte nella nostra mente. Questa capacità di ricordare e rivivere è un dono che molti di noi non riescono a utilizzare correttamente. Tendiamo a concentrarci sugli aspetti negativi della nostra vita e dimentichiamo il positivo.

Pensa per un momento alla tua giornata. Quello che è successo? Hai ricevuto i complimenti per il tuo lavoro? Forse un amico è caduto senza preavviso per pranzo? Hai trovato $ 20 per terra? Sei stato fermato per eccesso di velocità?

Quando è stato chiesto di ricordare cosa è successo, la mia ipotesi è che la maggior parte delle persone sottolineerebbe di essere stata fermata dalla polizia. Se rimuoviamo questo scenario, il resto della giornata sembra davvero buono, forse anche fantastico.

Da un punto di vista evolutivo, un errore è una minaccia per la nostra sopravvivenza. Questo ha senso dato il giusto contesto. I primi umani erano in balia del loro ambiente e quindi dovevano essere vigili. A quel tempo un leggero passo falso potrebbe fare la differenza tra la vita e la morte. I nostri cervelli sono geneticamente cablati per tenerci al sicuro e un errore minaccia la nostra sicurezza.

Per la maggior parte di noi questa realtà non esiste più. Raramente i nostri errori portano con sé conseguenze così disastrose. Pensaci. Facciamo più errori al giorno, ogni giorno eppure siamo ancora vivi. Nonostante questa regolarità trascorriamo ancora una quantità esorbitante di tempo ed energia per rivivere il passato.

C'è un vantaggio nell'analizzare i nostri errori. Se scendi le scale e colpisci la testa con una trave, la prossima volta sarai più cauto. Incontriamo problemi quando ci fissiamo eccessivamente su un errore. Quell'errore è solitamente legato a emozioni come rimpianto, senso di colpa o sofferenza e quelle emozioni sono collegate a pensieri specifici. Ogni volta che pensi a quell'errore, il tuo cervello rilascia le stesse sostanze chimiche come se l'esperienza stesse accadendo in quel momento e questo ti fa provare le stesse emozioni uguali a quell'esperienza passata. E se quelle emozioni guidano più pensieri uguali a quei sentimenti e quindi non puoi pensare in modo più grande di come ti senti, allora sei intrappolato in un ciclo di pensieri e sentimenti, sentimenti e pensieri che crea il nostro stato d'essere. Da un punto di vista biologico ora vivi nel passato.

In questo modello un errore è qualcosa di esterno, il che significa che sembra fuori dal nostro controllo. Quando non impariamo dai nostri errori, modifichiamo i nostri comportamenti e quindi acquisiamo la saggezza dai nostri passi falsi, allora diventiamo vittime della realtà invece che creatori della realtà.

Come si effettua il passaggio da vittima a creatore? Nel nostro workshop insegniamo alle persone come combinare una chiara intenzione con un'elevata emozione per creare un nuovo risultato nelle loro vite. Al centro di questa idea è che dobbiamo arrenderci all'ignoto. Con questo voglio dire che non cerchiamo di manipolare il modo in cui la nuova esperienza ci arriverà: è una sorpresa. Se possiamo prevedere cosa accadrà, l'esperienza non è davvero una novità.

Questo è un concetto spaventoso per molte persone e richiede la consapevolezza che alcune sorprese possono anche essere errori. Abbiamo definito il nostro mondo come o / o, ma dobbiamo sentirci a nostro agio con "e". Non possiamo controllare la sorpresa, il meglio che possiamo fare è metterci in condizione di accettarla quando arriva.

E quando lo facciamo, ci prepariamo per essere intimoriti, ispirati o felicissimi. Questi sentimenti ed emozioni creano a nuovo ciclo, che porta il potenziale per esperienze più positive perché, attraverso una nuova esperienza, abbiamo sostituito il vecchio cablaggio nel nostro cervello con qualcosa di diverso e quelle emozioni ci ispirano a creare ancora ... e ancora. Ora, quando ricordi quella nuova memoria, il tuo cervello rilascia le stesse sostanze chimiche che, a loro volta, fanno sì che quella sensazione ritorni. Gli esseri umani tendono a pensare e sentire all'interno della nostra biologia, quindi, aggiungendo una nuova esperienza, alteriamo il nostro pensiero (neurologia) e i nostri sentimenti (chimica), il che produce un cambiamento nella nostra biologia creando un nuovo stato dell'essere.

In precedenza, ti ho chiesto di pensare alla tua giornata e ho citato alcuni esempi. Facendo il lavoro e cambiando davvero idea per creare un nuovo stato dell'essere non si eviterà una multa per eccesso di velocità. Tuttavia, con una nuova mente sarai in grado di vedere il tuo errore più chiaramente. Ancora più importante, sarai in grado di apprezzare il complimento di un collega, il pranzo con un amico e il conto di $ 20 trovato. Dato quello che hai appena imparato, dovrebbe essere chiaro che hai una scelta. Se il cervello impara da errori o sorprese, quale preferiresti avere di più nella tua vita?

 

Confezione regalo Creative Commons by FutUndBeldi è sotto licenza CC 2.0

Noi crediamo

possibilità

il potere di cambiare noi stessi

la capacità del corpo di guarire

il raro

celebrare la vita

miracoli

un amore superiore

futuro

atteggiamento

prova

altro

l'invisibile

saggezza

I nostri figli

sincronicità

libertà

i nostri anziani

mente sulla materia

Credi? Unisciti al movimento

* Completando questo modulo ti iscrivi per ricevere le nostre e-mail e puoi cancellarti in qualsiasi momento