traduzione mancante: en.general.general.skip_content

Il carrello

Chiudi Carrello

Menti impigliate

Dr. Joe Dispenza / 03 settembre 2016

Entangled Minds

Pensi che sia possibile vedere le immagini nei tuoi sogni se qualcuno lo è pensiero loro a te? Gli psicologi britannici Simon Sherwood e Chris Roe dell'University College di Northhampton dicono di sì.

Nel 2003, dopo aver analizzato 47 esperimenti sui sogni separati che coinvolgevano 1,270 prove individuali, il duo ha scoperto che l'accuratezza complessiva nel ricevere un'immagine era del 59.1%. Secondo il caso e la scienza dei generatori di eventi casuali, come il lancio di una moneta avrebbe dovuto essere del 50 percento. Ma secondo le probabilità dei risultati essere caso, le statistiche dell'esperimento sono state calcolate in un valore astronomico di 22 miliardi a uno.

Nel 2004, in uno studio simile presso l'Istituto di scienze noetiche, lo scienziato senior Dean Radin ei suoi colleghi hanno testato 13 gruppi di amici che non erano legati emotivamente come coppie, ma condividevano l'interesse per lo studio. Una persona (il ricevitore) in ciascuna coppia era collegata a una macchina EEG con una telecamera a circuito chiuso puntata su di loro. L'altro (il mittente) era seduto davanti a uno schermo televisivo in un'altra stanza, anch'esso collegato a una macchina per l'elettroencefalogramma. A intervalli di tempo casuali, lo schermo televisivo del mittente mostrava un'immagine dal vivo del viso del destinatario.

Con l'improvvisa comparsa della faccia del loro amico sullo schermo, come ci si potrebbe aspettare, c'è stato un picco nella macchina EEG nel cervello della persona che vedeva direttamente l'immagine. Ciò che è stato sorprendente, tuttavia, è stato che l'EEG del ricevente ha mostrato anche un picco nella loro attività cerebrale, che è stata influenzata da una posizione remota dal mittente. Il ricevitore ha percepito che qualcuno li stava guardando? Lui o lei sapeva, consciamente o inconsciamente, che l'altra persona stava pensando a loro? I risultati implicano certamente una connessione non locale tra di loro. 

Potremmo pensare alla coscienza in modo sbagliato?

Nella comunità scientifica, la mancanza di comprensione scientifica sulla natura della coscienza e da dove emerge è comunemente chiamata il problema "difficile". La visione standard della scienza è che la coscienza è un epifenomeno del corpo, il che significa che sorge come risultato dell'anatomia, della complessità e del cablaggio del cervello. Si dice che sia un prodotto dell'attività neurologica, eppure c'è una grande quantità di ricerche e filosofie pubblicate che mettono in discussione questa idea.

L'ultima ricerca in fisica quantistica dimostra che tutto il materiale, al suo livello subatomico più fondamentale, è costituito da informazione ed energia - ed è la coscienza che collega, organizza e dirige l'energia per dare vita e forma a tutte le cose materiali . Poiché tutto ciò che è fisico è fatto di atomi (inclusi te e me), allora in qualche modo siamo legati da un campo invisibile di informazioni oltre questo spazio e tempo.

Non abbiamo bisogno di uno studio per sapere che le persone a cui siamo legati possono raccogliere i nostri pensieri e sentimenti. Ad esempio, un minuto potremmo trovarci a pensare a un amico a cui non pensavamo da settimane, e quello dopo riceviamo una sua chiamata o lo vediamo al negozio. Oppure entriamo in una stanza e sappiamo immediatamente se qualcuno è arrabbiato o arrabbiato senza nemmeno vederlo in faccia. Questi tipi di eventi sono accaduti a tutti noi e sono dimostrazioni reali delle nostre connessioni nel tempo e nello spazio.

Nel mondo fisico, dobbiamo solo guardare lo splendore della natura per vedere l'interconnessione di tutte le cose. Un ottimo esempio è una cascata trofica, un processo ecologico che inizia nella parte superiore della catena alimentare e si increspa fino in fondo. Ci sono pochi casi migliori rispetto a reintroduzione dei lupi nel Parco Nazionale di Yellowstone nel 1995. Il risultato fu un effetto a cascata tra piante e animali, ripristinando l'equilibrio dell'ecosistema al punto che fiorì. Forse l'evento più notevole è stato che anche il fiume ha cambiato il suo comportamento.

L'interconnessione di tutte le cose inizia a livello subatomico, scorre attraverso atomi, molecole, sostanze chimiche, cellule, tessuti, organi, corpo, relazioni, comunità, pianeti e sistemi solari e così via. Se è vero per la natura fisica della realtà che tutte le cose sono interconnesse, perché allora dovrebbe esserci qualche differenza con la connessione tra le menti? E se la coscienza fosse una ragnatela ragnatela infinitamente connessa su cui viaggiano increspature di informazioni, dopotutto, come fa un ragno a sapere di aver intrappolato una preda nella sua tela? Sente la vibrazione. L'universo potrebbe quindi sentire tutti i nostri pensieri e sentimenti in un'incoscienza collettiva, come ipotizzato da Carl Jung?

Dall'esoterico alla possibilità

Sebbene queste siano idee più esoteriche che richiederanno più ricerca, se applichi questa linea di pensiero all'invio di una buona intenzione a qualcuno, o pensi a tuo fratello o tua sorella con amore, allora non dovrebbe avere un effetto? Se sei legato al tuo migliore amico attraverso la sofferenza, allora quando pensi alla sofferenza, non avrebbe un effetto sul tuo amico perché sei vincolato dall'energia di quell'emozione? E infine, quando tu o una comunità di persone pensate alla guarigione pregando per una persona malata, non dovrebbe avere un effetto anche questo?

Un buon modo per immaginare la coscienza è pensarla come Internet. Abbiamo tutti computer separati gli uni dagli altri negli spazi fisici, proprio come ognuno di noi è la nostra persona. Ma quando colleghiamo i nostri computer a Internet, sebbene si trovino in posizioni diverse, sono collegati - e tutte le informazioni fluiscono - attraverso una rete di informazioni. Se questo è il caso della coscienza, allora la coscienza non è confinata all'interno della testa, ma una proprietà fondamentale della realtà che abbraccia il tempo e lo spazio.

Ecco un ultimo pensiero con cui lasciarti; e se la coscienza fosse effettivamente il tessuto che tiene insieme la materia, in contrasto con il modo in cui è scientificamente accettato oggi? Pensa solo a tutte quelle possibilità che ti aspettano. E se potessimo connetterci a quel campo di informazioni e imparare come dirigere la nostra mente e la nostra energia verso un risultato? Forse dovremmo iniziare il nostro esperimento scientifico cambiando la convinzione governata dai nostri sensi che siamo separati da tutte le persone, specie, cose, oggetti e luoghi. Se lo facessimo, forse vedremmo che siamo sia il ragno che la ragnatela.

Foto di LuciaJoy

 

Noi crediamo

possibilità

il potere di cambiare noi stessi

la capacità del corpo di guarire

il raro

celebrare la vita

miracoli

un amore superiore

futuro

atteggiamento

prova

altro

l'invisibile

saggezza

I nostri figli

sincronicità

libertà

i nostri anziani

mente sulla materia

Credi? Unisciti al movimento

* Completando questo modulo ti iscrivi per ricevere le nostre e-mail e puoi cancellarti in qualsiasi momento