traduzione mancante: en.general.general.skip_content

Il carrello

Chiudi Carrello

Tutti muoiono, ma non tutti vivono

Joe Dispenza / 19 agosto 2016

Everybody Dies, But Not Everybody Lives

Molte persone che vengono ai nostri seminari sono molto ammalate. Anche se abbiamo assistito a innumerevoli guarigioni miracolose, non tutti riescono ad arrivare dall'altra parte della guarigione.

Dico questo perché recentemente abbiamo perso alcuni amati membri della nostra comunità. Molti di voi hanno partecipato a seminari con queste persone e hanno formato legami profondi e amicizie. Altri di voi li hanno visti come vere ispirazioni che vi hanno fatto credere ancora di più in voi stessi. Quando perdiamo le persone a cui teniamo, spesso ci troviamo a chiederci, perché qualcuno che possedeva una tale volontà di vivere è dovuto morire?

Parlando del mio attuale stato di ignoranza, per quanto ne so moriremo tutti. Nessuno, almeno nessuno che ho incontrato finora, ha evitato la morte. Quando qualcuno combatte coraggiosamente una malattia per un periodo di tempo prolungato, ma alla fine si arrende, non dovrebbe mai essere visto come un fallimento.

L'ultimo membro della nostra comunità a passare è stata Carolyn Mickelson. L'altro giorno ho avuto l'opportunità di parlare con suo marito David. Quando li ho incontrati per la prima volta a un seminario progressivo di Vancouver il fine settimana del 4 luglioth, 2014, il cancro l'aveva presa. Come chiunque fosse nei suoi panni, era preoccupata e spaventata, ma al di sotto di tutto - proprio come vedo in ogni persona che viene ai nostri laboratori - ho visto una luce. Tutti noi abbiamo questa luce in noi, ma non tutti abbiamo il coraggio di farla risplendere.

David ha condiviso con me che Carolyn è stata sfidata da una serie di malattie e condizioni di salute per tutta la sua vita. Quando le è stata diagnosticata nel 2013, il medico le ha detto a bruciapelo, come se stesse emettendo una condanna a morte, che sarebbe stata fortunata a superare i tre mesi. Semplicemente non c'era modo che sarebbe sopravvissuta più a lungo. 

La maggior parte delle persone si sarebbe rannicchiata e si sarebbe arresa di fronte a tali notizie, ma secondo David, la diagnosi ha cambiato la vita di Carolyn. Sebbene le fossero stati concessi meno di pochi mesi di vita, Carolyn non ascoltò la prognosi del suo medico.

Invece, ogni giorno lavorava per cambiare il suo stato d'essere combinando la sua intenzione di vivere ed essere più sana con stati quotidiani di emozioni elevate, come gratitudine e amore. Nel processo ha prolungato la sua vita di oltre due anni dal momento in cui ci siamo incontrati, ha cambiato in modo significativo i suoi valori sanguigni per il cancro, ha alterato il suo atteggiamento e ha liberato una buona parte delle sue paure. A beneficio di tutti noi che abbiamo assistito alla sua battaglia, ci ha ispirato a vivere nella nostra luce.

David mi ha detto che tra tutte le terapie e i trattamenti che Carolyn ha eseguito e ricevuto durante la sua lotta contro la malattia, l'unica cosa che l'ha aiutata di più - fisicamente, emotivamente e mentalmente - era fare il lavoro. Sentiva che l'atto di fare le sue meditazioni quotidiane era il trattamento più efficace che aveva.

Considerando che per gran parte della sua vita ha vissuto in un costante stato di paura e sotto gli ormoni dello stress, è diventata "dura e resiliente", come ha detto David. Sentiva che aveva effettivamente vinto la battaglia contro il cancro, perché aveva prolungato la sua vita per 42 mesi dopo la diagnosi. David è stato molto grato che Carolyn abbia trovato il nostro lavoro perché sapeva che aveva esteso e migliorato la sua vita, ma era arrivata al punto in cui era pronta per andare.

Il nocciolo della questione è che non tutti guariscono dal cancro perché non è un processo facile. Sebbene sia possibile, se fosse facile, lo farebbero tutti. Quando superiamo noi stessi, dimostriamo con l'esempio cosa è possibile agli altri. Quando le persone assistono alla realizzazione della guarigione iniziata come una possibilità nel pensiero, più persone iniziano a migliorare perché vedono che non è solo una teoria. È come il miglio di quattro minuti: mentre una volta era considerato umanamente impossibile, Roger Bannister ha dimostrato che era possibile. Rompendo quella barriera mentale, molti altri iniziarono a compiere la stessa impresa. In altre parole, una volta che la convinzione radicata è stata infranta, la possibilità si è presentata.

Come con qualsiasi cosa, ci saranno persone che ce la faranno e altre che no. La linea di fondo è guarire e / o superare il sé non è facile perché stiamo riprogrammando credenze subconsce, condizionamenti passati e persino forti paradigmi sociali. Per renderlo più impegnativo, a volte abbiamo conosciuto solo un modo di essere la nostra intera vita. Fortunatamente, ci sono state abbastanza persone che sono guarite in questo lavoro, e ogni volta che qualcuno lo fa, si stabilisce una precedenza di possibilità. Ma proprio come l'intenso allenamento quotidiano necessario per migliorare il tempo di qualcuno nello sprintare un miglio in meno di quattro minuti, dobbiamo allenarci quotidianamente e spingerci anche oltre i nostri limiti personali. Ciò significa fare le nostre meditazioni quotidiane mentre alleniamo la mente e condizioniamo il corpo più e più volte.

Per me, Carolyn ha fatto un grande sforzo per fare il lavoro, specialmente di fronte al cancro allo stadio 4. Vivere quanto lei era in effetti un atto eroico. La lezione qui è che non dovremmo perdere la fede nella nostra guarigione personale, o perdere la nostra determinazione in ciò che è possibile, perché qualcuno che è arrivato così lontano non ce l'ha fatta. I fatti sono che ha vissuto altri due anni con la sua famiglia e gli amici, ha lavorato costantemente ogni giorno per calmare il suo corpo emotivo e per superare le sue paure e ansie, ha sfidato le convinzioni dei suoi medici quando hanno assistito a come ha cambiato il suo corpo da pensato da solo e ha ispirato tutti noi nel processo. Qualcuno deve sforzarsi di mostrare agli altri ciò che è possibile. Per me, Carolyn è diventata uno dei miei eroi: un individuo, un leader e qualcuno che era disposto a vivere e persino a morire per la verità che possiamo guarire noi stessi solo con il pensiero.

Il mio obiettivo quando qualcuno è malato è aumentare la qualità della vita, prolungare la vita per la famiglia e gli amici, mostrare loro che hanno il controllo sulla propria salute e far loro sapere che i loro medici non hanno sempre ragione. Ciò richiede il ricondizionamento del nostro corpo a una nuova mente e un cambiamento nelle nostre convinzioni che sia costante e coerente nel tempo.

Il fatto è che ci sono molte persone che sono guarite da sole nonostante quello che hanno detto gli "esperti". Ogni volta che qualcuno si cura, un'altra persona supera il miglio di quattro minuti. Anche se questo potrebbe non essere il 100% delle volte, il punto in cui siamo oggi assistendo alla remissione di così tante malattie è a miglia di distanza da dove eravamo solo un anno fa. Man mano che tutti noi continuiamo a fare questo lavoro, quella percentuale crescerà man mano che infrangiamo le convinzioni e mostriamo agli altri ciò che è veramente possibile.

Foto di LuciaJoy

Noi crediamo

possibilità

il potere di cambiare noi stessi

la capacità del corpo di guarire

il raro

celebrare la vita

miracoli

un amore superiore

futuro

atteggiamento

prova

altro

l'invisibile

saggezza

I nostri figli

sincronicità

libertà

i nostri anziani

mente sulla materia

Credi? Unisciti al movimento

* Completando questo modulo ti iscrivi per ricevere le nostre e-mail e puoi cancellarti in qualsiasi momento