traduzione mancante: en.general.general.skip_content

Il carrello

Chiudi Carrello

Ottenere chiara la tua visione

Dr. Joe Dispenza / 18 marzo 2016

Getting Clear On Your Vision

Le persone spesso mi dicono che non riescono a essere chiari su ciò che vogliono. Quello che dico loro è che lo stanno rendendo troppo difficile. Il processo di creazione di una nuova visione del futuro è qualcosa che ognuno di noi fa sempre. Come? Poiché viviamo in un mondo di polarità e dualità, quando sperimentiamo situazioni di mancanza, stress o traumatiche, naturalmente iniziamo a sognare ciò che vogliamo in base a ciò che non abbiamo. Ad esempio, se hai un lavoro che non ti piace, osservi ciò che ti piace non come (passato) sui tuoi lavori attuali e precedenti e immagina cosa vorrei (futuro) nel tuo prossimo. Questo è un processo evolutivo e il modo in cui le persone iniziano a cambiare ed evolversi nel tempo.

Tendo a pensare che la maggior parte di noi abbia una visione chiara di ciò che vogliamo, ma in realtà ne abbiamo paura. E quindi la vera sfida è generare il sogno o la visione. Per come la vedo io, ci sono quattro principali ostacoli alla creazione di un nuovo futuro:

  1. Quando è il momento di sognare una visione più grande della nostra realtà attuale, non possiamo vedere oltre quel primo passo per prenderci cura dei nostri bisogni di sopravvivenza, per esempio-Ho bisogno di una macchina, devo pagare le bollette, ecc. Questo fa sì che la nostra attenzione rimanga concentrata sull'immediato piuttosto che proiettare il nostro sogno abbastanza lontano nel fiume del tempo.
  2. Perché non possiamo prenderci cura dei nostri bisogni di sopravvivenza di base, abbiamo difficoltà a credere che un nuovo futuro sia possibile. Perché allora dovremmo sognare qualcosa di più grande? È perché il cocktail di sostanze chimiche derivate dagli ormoni dello stress ci induce a restringere la nostra attenzione sulla materia e sugli oggetti nel nostro mondo immediato (è lì che si trovano il pericolo e le minacce) e smettiamo di pensare a potenziali e possibilità future. E così il dubbio inizia a intasare la visione.
  3. Gli ormoni familiari dello stress che stiamo vivendo ci inducono a vedere il nostro futuro attraverso la lente del passato. Ti sei mai preparato per qualche futuro scenario peggiore partendo dal presupposto che se succede qualcosa in misura minore, almeno sarai pronto e potrai sopravvivere? Quando siamo in modalità sopravvivenza, la natura ci ha insegnato che non è il momento di creare: è il momento di correre, combattere o nascondersi. Perché sognare qualcosa di più grande se non riusciamo a superare il nostro sé attuale? Questo porta alla stagnazione e alla rassegnazione.
  4. Conoscenza e informazione. Se non ci prendiamo il tempo per riflettere su ciò che vogliamo, per scrivere le cose e apprendere nuove informazioni, allora come facciamo a sapere cosa è possibile? Se non stiamo riempiendo il nostro cervello di conoscenza, allora non sapremo che il lavoro dei sogni esiste - o che possiamo avere un'esperienza extracorporea, guarire noi stessi dalla malattia o dal dolore cronico, o creare qualcosa dal nulla - e quindi, non siamo nemmeno consapevoli della possibilità. La conoscenza e l'informazione sono le stesse materie prime della creazione.

Mi hai sentito dire che la conoscenza è il precursore dell'esperienza. In altre parole, la conoscenza è il fondamento che ci permette di sognare in grande. Più conoscenza acquisiamo - più leggiamo o impariamo su persone che hanno fatto ciò che ci proponiamo di fare - più siamo ispirati a trasformare questa possibilità in realtà.

Dalla conoscenza all'azione

Ecco il punto; se non stai facendo passi verso il futuro che stai creando, allora non credi che sia possibile. Fine della storia.

Facciamo scelte in linea con il nostro futuro solo quando crediamo che possa effettivamente accadere. Questo è il momento in cui iniziamo a muoverci dal noto all'ignoto. A questo punto del processo di creazione della realtà, è fondamentale sezionare i nostri vecchi pensieri, sentimenti e convinzioni in modo da comprendere appieno che si basano su esperienze passate. Perché? Perché la maggior parte delle persone tende a pensare e sentire nella biologia dei loro ricordi passati. Di conseguenza, quei pensieri e sentimenti creano atteggiamenti, atteggiamenti creano credenze, credenze creano percezioni e percezioni creano la nostra realtà. Se i nostri pensieri e le nostre convinzioni si basano su ricordi impliciti (programmi subconsci che riempiono la nostra realtà) del nostro passato, allora c'è una forte probabilità che stiamo perdendo nuove possibilità. Non solo non possiamo vedere quelle possibilità future, ma il nostro cervello non è nemmeno predisposto per vederle.

Quindi la conoscenza che acquisiamo in questo processo diventa le impronte stesse della coscienza e serve come ingredienti grezzi per pensare, sentire e contemplare in modi nuovi. Questa contemplazione inizia un processo di costruzione neurologica in base al quale stiamo essenzialmente ricablando il nostro cervello, provocando l'attivazione delle sinapsi in nuovi schemi e combinazioni. Ogni volta che facciamo funzionare il nostro cervello in modo diverso o in un modo nuovo, stiamo letteralmente cambiando idea. Questo perché, secondo le neuroscienze, la mente è il cervello in azione.

Quando pensiamo in modi nuovi, iniziamo ad attivare il lobo frontale, il centro creativo del cervello. Quando poniamo domande come ...

  • "Come sarebbe avere un ottimo lavoro?"
  • "Chi devo essere per creare una relazione d'amore?"
  • "Cosa ci vorrebbe per viaggiare per il mondo?"

... il nostro lobo frontale invia segnali attraverso il cervello, seleziona le reti neurali esistenti (in base alla conoscenza che abbiamo acquisito e alle esperienze che abbiamo avuto) e le mette insieme senza soluzione di continuità per creare un nuovo livello di mente. Quando ciò accade, ora abbiamo una nuova intenzione o visione del futuro. Con l'intenzione bloccata nel nostro lobo frontale, il nuovo pensiero diventa una nuova possibilità o potenziale nel campo quantistico.

Essere commossi dalla tua visione

Una certa percentuale di persone abbraccerà un'emozione elevata e sarà quindi ispirata dalla propria visione del futuro. In quel momento, da una prospettiva biologica, il loro cervello e il loro corpo passano dal vivere nel passato al vivere nel futuro. Poiché i pensieri sono il vocabolario del cervello e le sensazioni sono il vocabolario del corpo - e il modo in cui pensi e senti crea uno stato dell'essere - una volta che si muovono in quel nuovo stato dell'essere, la chiara intenzione combinata con un'emozione intensificata inizia a dare il corpo un assaggio di ciò che è possibile in futuro.

Quando iniziamo ad abbracciare una nuova possibilità, è normale che iniziamo a scrivere i nostri obiettivi (le esperienze future che vogliamo avere) e decidiamo quali scelte dobbiamo fare. Quindi iniziamo a rivedere i nostri pensieri e contempliamo e proviamo i comportamenti che dimostreremo. Il solo pensare e rivedere le azioni che intraprenderemo porta naturalmente alle esperienze e, una volta che le esperienze iniziano ad accadere, creano stati emotivi. È il processo coerente di creazione di questi nuovi stati emotivi elevati che inizia a cambiare biologicamente il sé. È così che ci spostiamo dal vecchio sé al nuovo sé.

Quello che dico ai miei studenti è questo: la linea di fondo è che se sei seriamente intenzionato a creare un nuovo futuro, allora è meglio che tu sia coinvolto nel processo di creazione di una visione del futuro, perché se non lo sei, allora significa che sei più innamorato del tuo passato che del tuo futuro. È così semplice.

Noi crediamo

possibilità

il potere di cambiare noi stessi

la capacità del corpo di guarire

il raro

celebrare la vita

miracoli

un amore superiore

futuro

atteggiamento

prova

altro

l'invisibile

saggezza

I nostri figli

sincronicità

libertà

i nostri anziani

mente sulla materia

Credi? Unisciti al movimento

* Completando questo modulo ti iscrivi per ricevere le nostre e-mail e puoi cancellarti in qualsiasi momento