traduzione mancante: en.general.general.skip_content

Il carrello

Chiudi Carrello

Come diventare ciò che stiamo cercando

Dr. Joe Dispenza / 11 novembre 2016

How To Become That Which We Are Seeking

"Il genio è una crisi che unisce il sé sepolto, per certi momenti, alla nostra mente quotidiana." William Butler Yeats 

il 13th Il mistico secolo San Francesco d'Assisi ha affermato che siamo ciò che stiamo cercando. Nelle ultime due settimane, in due seminari avanzati consecutivi a Cancun, in Messico, ho visto più di mille dei nostri studenti geniali fare esattamente questo: sono diventati il ​​loro futuro.

Ti sei mai chiesto perché chiamo sempre i nostri studenti geni? Perché nel senso originale della parola, genio significa spirito che accompagna - essere affidato alla cura di qualcosa di invisibile ma vicino. In questo caso, quello invisibile ma vicino qualcosa era il loro futuro. Giorno dopo giorno, nelle loro meditazioni, i nostri studenti appassionati e impegnati sono diventati veri geni inseguendo il loro futuro con il livello di intensità che ci è richiesto per passare dai pensieri, credenze ed emozioni limitanti del nostro passato, alle possibilità illimitate del nostro futuro .

Entrando nel seminario, il mio obiettivo personale era quello di portare i nostri studenti più in profondità di quanto non siano mai andati. Abbiamo compiuto questa impresa meditando in piedi, camminando, sdraiati e seduti, e lo abbiamo fatto con entrambi gli occhi aperti e chiusi. Alla fine dell'evento, volevo che i nostri studenti credessero nel loro futuro più di quanto credessero nel loro passato.

Quello che alla fine abbiamo ottenuto è stato di prendere una comunità di persone che pensavano, recitavano e si sentivano in un modo quando sono arrivati ​​all'evento e se ne sono andati pensando, recitando e sentendosi in un altro. Li abbiamo aiutati a creare un nuovo futuro da un luogo di interezza e unità, in contrasto con il modo comune di creare da un luogo di separazione, dualità e mancanza. Perché questo è importante è perché il modello quantistico della realtà dice che non siamo separati da ciò che cerchiamo; piuttosto, siamo collegati ad esso attraverso il campo unificato. Abbiamo solo bisogno di sentirlo e osservarlo per portarci quel futuro.

La bellezza e l'agonia del ritorno

Per quelli di voi che hanno partecipato, così come per tutti coloro che potrebbero aver bisogno di un aggiornamento, ho voluto cogliere questa opportunità per ricordarvi alcune cose per mantenervi sulla vostra strada creativa. Quindi iniziamo demistificando l'ignoto.

Il motivo principale per cui ci ritiriamo dalla nostra vita per diversi giorni per meditare è rimuovere la stimolazione costante nel nostro ambiente esterno. Lo facciamo per tre motivi:

  1. Perché il nostro cervello funziona come una registrazione del passato;
  2. Quando viviamo ogni giorno con gli stessi sentimenti, stiamo vivendo nel nostro passato, il che significa che più della nostra attenzione è nel nostro passato che nel nostro futuro;
  3. La stimolazione esterna ci ricorda chi siamo think siamo come una personalità.

Ma quando ci separiamo abbastanza a lungo dalle persone che conosciamo, dai luoghi in cui andiamo e dalle azioni ripetitive che facciamo ogni giorno, ci viene ricordata la verità su chi siamo: infiniti creatori.

Quindi ora diciamo che hai appena tenuto un seminario fantastico, connesso con persone che la pensano allo stesso modo, forse hai sperimentato sincronicità o esperienze mistiche - ma poi devi tornare alla tua vita. Allora cosa?

Per alcuni di voi, potreste tornare alla vita sentendovi alla grande, ma confrontarvi rapidamente con il vostro passato. Per altri, le lotte impreviste possono apparire dal nulla, inducendoti a mettere in discussione tutto ciò che pensavi di aver appena creato. E ancora per altri, le cose su cui hai lavorato per creare potrebbero iniziare a manifestarsi effettivamente.

Non fare errori; le cose cambieranno in modi imprevisti. Perché? Perché hai appena trascorso diversi giorni investendo una quantità esorbitante di energia nell'ignoto e creando cose nuove nella tua vita. È logico quindi che perché appaia qualcosa di nuovo, il conosciuto e il familiare deve cadere nel dimenticatoio. Se ciò non accadesse, vivresti nello stesso passato prevedibile, che crea lo stesso futuro prevedibile.

Non lasciare che la scossa ti scuota

Quando le cose iniziano a scuotersi nella tua vita, una certa percentuale di te si fiderà di ciò che sta accadendo e si dirà:se questa opportunità si sta manifestando, o se questa relazione non si adatta più a quello che sono, o il mio lavoro non è in linea con quello che voglio essere, allora queste cose devono essere visibili per un motivo. L'ho creato, quindi vediamo cosa succede. Ma per gli altri, potresti iniziare a indovinare te stesso e indietreggiare per la paura. Il motivo principale per cui ciò accade e per cui le persone tornano al passato è perché non si fidano veramente di se stessi, del processo creativo o delle esperienze che stanno vivendo.

Nessuno ha detto che la fiducia è facile, ma non credi che riponendo la tua fiducia nell'ignoto potresti provare qualche disagio? Quel disagio è in realtà una buona cosa. Hai interrotto l'energia della tua vita preesistente (prima dell'evento) distogliendo la tua attenzione dalle persone e dalle cose che ti legavano emotivamente al passato. Ora la tua vita esterna si sta riorganizzando per allinearsi con la tua creazione interna - ora stai vivendo nel modello quantistico delle possibilità, in contrasto con il modello newtoniano di misurazione e prevedibilità.

Una volta che inizi a scegliere (inconsciamente, a proposito) il dubbio e la paura, o inizi ad analizzare e capire come si svolgeranno le cose, allora sei di nuovo nel familiare, le tue possibilità si contraggono e ciò che hai creato inizia a scomparire. Quindi, a causa del disagio e della paura che hai provato, distogli la tua attenzione dal futuro, la restituisci al passato e ora sei di nuovo nei programmi inconsci che in precedenza gestivano la tua vita.

Puoi fare due cose in questo caso; tornare al passato, or puoi considerarla un'opportunità per trasformare il disagio in conoscenza.

Come vincere il confronto con il tuo passato

Tutti affronteranno il loro passato quando torneranno da un seminario perché stanno tornando alla loro realtà passata / presente. Questo è il motivo per cui meditiamo: rimanere connessi alla frequenza e alla vibrazione del nostro sé futuro. Ogni volta che ci disconnettiamo dal nostro ambiente, ci muoviamo più profondamente verso il campo unificato, o Sorgente. Più ci connettiamo con questo campo auto-organizzato, più ci sentiamo integri, più i nostri cuori si aprono, più ci fidiamo e più la nostra fede nel nostro futuro diventa una conoscenza.

Ma se non ti connetti con la Sorgente ogni giorno e non ti connetti con il tuo futuro, inizi a dubitare di te stesso e ritorni alla separazione, polarità, dualità e mancanza. Quindi ti ritrovi ad anticipare inconsciamente il tuo futuro in base al tuo passato. Questo succederà di tanto in tanto. Non significa che stai facendo qualcosa di sbagliato, è solo la vita. Ma la scelta è tua se perdere o meno i tuoi sensi e ricadere nei tuoi vecchi programmi di giudizio e analisi di te stesso, cercando di intellettualizzare un processo e / o cercando di controllare e prevedere un risultato.

Ma puoi anche fare una scelta diversa: puoi scegliere di cambiare le tue reazioni e abitudini emotive e andare oltre la tua mente e il tuo corpo. Invece di lasciare che il programma si esegua da solo, puoi scegliere di pensare i tuoi pensieri do vuoi sparare e cablare: i pensieri, le azioni e i sentimenti legati al tuo futuro. È qui che devi ricordare di essere gentile con te stesso e capire che il cambiamento vero e duraturo è un processo graduale.

Quindi, mentre torni nella tua vita, rimani presente a questo momento e abbi fiducia nelle creazioni che si presentano. Se appare un'opportunità o la vita ti sta spingendo in una direzione che hai creato, l'hai creata tu, quindi perché non entrarci? Questo è il viaggio, e questo è essere un partecipante attivo nel mistero, piuttosto che separarsi da esso e stare in disparte.

Se inizi a provare paura, incertezza, mancanza o qualsiasi altra emozione negativa, concediti una pausa da adulto, ovvero siediti in meditazione e dì a te stesso che non ti alzi finché non ti senti rafforzato, fiducioso o amorevole. È così che attraversiamo il fiume del cambiamento. Ricorda che se ti senti a disagio, è una buona cosa. Sono solo pensieri o emozioni all'interno del tuo vecchio sé programmato, e solo perché hai un pensiero non significa che sia reale. Non analizzarlo, cambia solo il tuo stato d'essere. Quindi fallo di nuovo.

La mia definizione di genio è sempre stata quella di sentirsi a disagio nell'ignoto e di essere d'accordo. Quindi, se ti ritrovi ad abituarti all'ignoto, potrebbe semplicemente diventare la nuova normalità per te. Mentre continui ad avanzare verso il tuo destino, continuerai a correre verso l'ignoto, ma alla fine l'ignoto diventerà il noto e la tua vita diventerà prevedibile. Quando ciò accade e la tua anima inizia a muoversi, vorrai creare la prossima opportunità nella tua vita, quindi utilizzerai lo stesso processo e ancora una volta ti ritroverai in un nuovo sconosciuto.

E chissà, potrebbe anche diventare un'abitudine.

Noi crediamo

possibilità

il potere di cambiare noi stessi

la capacità del corpo di guarire

il raro

celebrare la vita

miracoli

un amore superiore

futuro

atteggiamento

prova

altro

l'invisibile

saggezza

I nostri figli

sincronicità

libertà

i nostri anziani

mente sulla materia

Credi? Unisciti al movimento

* Completando questo modulo ti iscrivi per ricevere le nostre e-mail e puoi cancellarti in qualsiasi momento