traduzione mancante: en.general.general.skip_content

Il carrello

Chiudi Carrello

Tirare fuori la mente dal corpo di dicembre

Joe Dispenza / 22 dicembre 2015

Pulling the Mind Out of December's Body

Mentre l'autunno si arrende all'inverno, se ti trovi a un certo grado di latitudine a nord dell'equatore, potresti indossare una sciarpa o guanti e stringere la giacca un po 'più stretta. Potresti anche notare un brivido nostalgico che accompagna l'aria di fine dicembre. Combinalo con la diminuzione della luce solare e moltiplicalo per le vacanze e la famiglia, e probabilmente sei destinato a uno stato di introspezione.

Durante lo sguardo interiore dell'inverno, poiché l'oscurità della stagione genera contemplazione e riflessione, tendiamo a richiamare la nostra consapevolezza al passato per suggerimenti del futuro (cioè se credi nel tempo lineare e non credi che ciò che sogni e senti di poter creare). La buona notizia è che i giorni più brevi dell'anno sono alle nostre spalle e ogni giorno cresce la Luce.

Nonostante il fatto che l'emisfero settentrionale stia iniziando la sua inclinazione verso l'equatore, ciò non toglie il fatto che le vacanze possono essere un periodo incostante ed emotivamente carico. Queste sfide ci offrono una grande opportunità per ricordare la semplice ma profonda verità di questo lavoro; non siamo i nostri corpi. Cosa significa esattamente? Non siamo il bambino di 7 anni che si è sentito offeso da nostra madre, o il 18enne che sentiva di non aver ricevuto abbastanza amore dal padre. Non siamo vittime di abusi, malattie, mancanza, circostanze o qualsiasi altra casualità in cui la vita ci ha trovati. Tradotto in altre parole, non siamo vittime del nostro passato.

La famiglia è un fattore scatenante comune per trascinarci nel nostro passato e farci deragliare dai percorsi di trasformazione che abbiamo forgiato così diligentemente. Ovviamente questi tipi di trigger non sono limitati alla famiglia; possono verificarsi nelle relazioni con amici, colleghi o chiunque altro con cui siamo dipendenti da un'emozione.

Quando siamo dipendenti da un'emozione, il processo inconscio di dipendenza fa sì che i nostri corpi vogliano reagire. In quella reazione, e di conseguenza nell'emozione con cui veniamo accolti, troviamo l'affermazione della nostra dipendenza emotiva. Questo è vivere nel passato e dagli stati inferiori di lotta o fuga. In queste situazioni, è fin troppo facile tornare a essere il fratello minore, la sorella maggiore, il figlio di mezzo, l'amico trascurato o il lavoratore sottovalutato.

Quando attingiamo a questa vecchia energia, quello che dobbiamo ricordare è che stiamo semplicemente attingendo a una memoria immagazzinata nel corpo. Nel linguaggio della dipendenza, lo chiamiamo recidiva. Se stiamo ancora vivendo con l'energia della versione precedente di noi stessi, come possiamo aspettarci un futuro o un risultato diverso?

Questo è un classico caso in cui la memoria del corpo prende il sopravvento. I ricordi nel nostro corpo (specialmente quelli dolorosi che vengono impressi nella nostra mente inconscia, che poi fa diventare la mente il corpo) sono così forti e potenti che possono effettivamente mascherare una serie di emozioni e sentimenti dolorosi come positivi. Quando ciò accade, stati inferiori dell'essere come depressione, rassegnazione e disperazione possono diventare il nostro stato predefinito.

Ecco la buona notizia:
Il progetto We (la coscienza) è il software che fa funzionare il computer (il corpo) e, poiché è connesso a Internet (il Campo), può sempre essere aggiornato.

Questo è essenzialmente ciò che stiamo facendo durante la meditazione: aggiornare il nostro sistema operativo. A volte questi aggiornamenti avvengono in modo incrementale e le modifiche sono sottili e dietro le quinte (se hai familiarità con gli aggiornamenti software sul tuo telefono, immagina come esempio un aggiornamento della versione 12.1.6). Altre volte, in momenti di epifania, rivelazione, apertura o resa, possiamo eseguire l'aggiornamento a una versione completamente nuova del sistema operativo (Essere). 

Sei pronto per il pezzo finale del puzzle?
Non possiamo aggiornare il software (consapevolezza) a meno che non siamo connessi a Internet (il Campo). Internet (il Campo) è l'arazzo non locale e onnipresente che ti connette a me, al mondo e all'intelligenza divina, la stessa intelligenza che presta gravità alla causa del tenere insieme miliardi di cellule per formare te e me . Allora qual è il meccanismo che usiamo per connettere il software a Internet? Wi-Fi (meditazione).

Il nostro lavoro consiste nell'estrarre la mente dal corpo per formare nuove abitudini e modi di essere positivi. Durante questa stagione invernale, perché non prendersi il tempo per entrare e iniziare a seminare i semi per il rinnovamento e la rinascita della primavera. Condiziona il corpo attraverso emozioni elevate a una nuova mente, così puoi mettere il passato che non ti serve più per riposare e risvegliarti dal tuo lungo pisolino invernale rinfrescato in un nuovo futuro di possibilità illimitate.

 

Noi crediamo

possibilità

il potere di cambiare noi stessi

la capacità del corpo di guarire

il raro

celebrare la vita

miracoli

un amore superiore

futuro

atteggiamento

prova

altro

l'invisibile

saggezza

I nostri figli

sincronicità

libertà

i nostri anziani

mente sulla materia

Credi? Unisciti al movimento

* Completando questo modulo ti iscrivi per ricevere le nostre e-mail e puoi cancellarti in qualsiasi momento