traduzione mancante: en.general.general.skip_content

Il carrello

Chiudi Carrello

Spingendo oltre gli strati

Dr. Joe Dispenza / 25 settembre 2020

Pushing Past the Layers

A volte, nelle mie meditazioni, arrivo a quello che chiamo lo strato. Lo strato è quando stai raggiungendo, creando o intendendo per quel nuovo futuro, evento o possibilità, ma forse il tuo corpo vuole smettere, la tua mente è piena di elenchi di cose da fare, sei pieno di dubbi e frustrazione, o quella voce interna si chiede se i tuoi sforzi produrranno effettivamente dei risultati. Potremmo chiamare quel viaggio attraverso questi strati, quel viaggio attraverso i veli, entrare nell'ignoto. Spingendoci nel disagio dell'incertezza - o uscendo dalla biologia familiare del nostro corpo, dal neurocircuito, dalla neurochimica, dalle propensioni genetiche e / o dal condizionamento emotivo - ci stiamo avventurando oltre il sé conosciuto per dare un'occhiata all'ignoto. In un certo senso, ci chiediamo: "Chi sono io?"

Passare attraverso questi strati significa togliere il vero sé dai nostri programmi di routine cablati. Comprendere e definire questi momenti di attrito è fondamentale perché quando ti allunghi oltre il familiare - qualunque cosa accada oltre quel punto - si verifica una sorta di districamento da un certo livello di coscienza o consapevolezza. Per farlo con successo è necessaria un'enorme quantità di energia perché il corpo vuole tornare al suo stato familiare, di base; quindi, non dobbiamo solo aumentare la nostra energia, ma anche sostenerla. Poiché l'energia e la coscienza, il pensiero e il sentimento, la frequenza e le informazioni sono unificate, solo quando modifichi il tuo stato emotivo energetico puoi diventare consapevole di altre nuove possibilità.

Per molte persone, quando raggiungono il punto in cui si scontrano con una convinzione limitante - neurologicamente, emotivamente, neurochimicamente e / o geneticamente - tornano indietro e non vanno mai oltre quel punto. Il semplice fatto è che, se non vanno oltre quella linea invisibile nella sabbia, nulla cambierà nella loro vita. Questa è spesso la stessa persona che si chiede; Perché non sono guarito? Perché la mia vita non è cambiata? Il motivo è perché non hanno attinto o raccolto lo spirito, l'energia o l'essenza immateriale che richiede una volontà, attenzione, passione e intensità che è maggiore della voce che dice abbastanza e maggiore del corpo che dice io non posso.

Innumerevoli volte durante i nostri eventi di una settimana ho visto persone raggiungere la fine delle loro convinzioni emotive. Sono pronti a smettere o arrendersi, ma invece richiamano quell'essenza, spirito o energia immateriale, quella risorsa illimitata che è sempre stata dentro di loro in attesa di essere attinta e diretta. Quando una persona fa questo, non ha nulla a che fare con quanto è in forma, quanto è giovane, che tipo di cibo mangia, quanti soldi ha e così via. Niente di tutto ciò ha importanza in quel momento. Invece, c'è qualcos'altro che accade in cui la persona decide di andare ancora una volta, allungarsi un po 'di più e lasciare andare il controllo - o semplicemente detto, arrendersi.

Quel momento cruciale è la tua scelta di credere che ci sia qualcos'altro - che esista una possibilità più grande - e che tu sia intransigente nella tua volontà di connetterti con esso. Sulla base di tutte le informazioni che questa persona ha appreso, abbracciato, studiato, contemplato e formulato in un modello di comprensione, questa persona crede in una possibilità che è più grande di ciò che è noto e familiare. Questo è un momento molto forte della resa dei conti perché è il momento in cui stanno facendo la scelta consapevole di presentarsi per qualcosa di nuovo e diverso.

Ogni volta che ti muovi attraverso un altro strato del velo di ignoranza o limitazione, la voce nella tua testa diventa sempre meno forte o intensa. Dico sempre che i primi 15 minuti di meditazione sono come guidare lungo l'autostrada e superare le uscite familiari - conosci tutti quei posti dentro e fuori perché hai percorso questa strada così tante volte prima verso stati più profondi - ma questa volta lo sei non scenderai da lì perché l'hai fatto abbastanza volte per sapere che non c'è niente di nuovo lì. Questo è ciò che intendevo all'inizio dicendo che questi strati o spazi di resistenza sono importanti da definire.
Più lavori sulla tua pratica, più facile diventa ritagliarsi un sentiero verso il divino o il mistico, ma nessuno lo farà per te tranne te. Tuttavia, se sei in grado di disattivare i programmi, le voci, le propensioni, le emozioni, le agitazioni e gli impulsi a smettere, per me è meglio di qualsiasi terapia perché stai facendo la scelta consapevole di eliminare certe connessioni e di inibire il corpo l'eccitazione di impulsi o emozioni negative.

Molte persone pensano che nel momento in cui si confrontano con il disagio o l'ignoto, stanno facendo qualcosa di sbagliato. Ti assicuro che stanno facendo tutto bene. Quindi, traggono la conclusione che non possono meditare o controllare la loro mente. Anche se sì, in quel momento la loro mente o il loro corpo (che è stato condizionato per essere la mente) potrebbe essere fuori controllo come uno stallone sfrenato, quello è il momento in cui inizia davvero il vero lavoro. All'inizio, è noioso lavorare oltre e attraverso questi strati per andare oltre il sé conosciuto, ma questo è il processo del cambiamento. Questo districarsi da quei programmi - in un certo senso, oggettivare la tua esperienza soggettiva di te stesso - è il momento in cui ti liberi dal programma, perché quando sei il programma, sei inconscio.

Quindi, quando pratichi le tue meditazioni e arrivi a quel punto in cui ti senti a disagio, ricorda che in realtà lo stai facendo bene. In effetti, è importante che tu ti scontri con questi confini perché è il momento in cui scegli di arrenderti come esperienza passata conosciuta, familiare e limitata del sé per accettare l'idea di un nuovo sé. Superiamo finché non diventiamo.

Ora hai l'abitudine più illimitata di creare un nuovo sé, e questo è il grande lavoro.

Noi crediamo

possibilità

il potere di cambiare noi stessi

la capacità del corpo di guarire

il raro

celebrare la vita

miracoli

un amore superiore

futuro

atteggiamento

prova

altro

l'invisibile

saggezza

I nostri figli

sincronicità

libertà

i nostri anziani

mente sulla materia

Credi? Unisciti al movimento

* Completando questo modulo ti iscrivi per ricevere le nostre e-mail e puoi cancellarti in qualsiasi momento