traduzione mancante: en.general.general.skip_content

Il carrello

Chiudi Carrello

I quattro pilastri della guarigione

Joe Dispenza / 10 giugno 2019

Mi è diventato chiaro, dopo anni di interviste a persone che avevano sperimentato remissioni e guarigioni spontanee, che la maggior parte di questi individui aveva quattro qualità specifiche in comune. Avevano sperimentato le stesse coincidenze.

Prima di descrivere le quattro qualità comuni a questi casi, vorrei sottolineare alcuni dei fattori che non erano coerenti tra le persone che ho studiato. Non tutti praticavano la stessa religione; molti non avevano affiliazioni religiose. Non molti avevano una formazione come prete, rabbino, ministro, suora o altra professione spirituale. Questi individui non erano tutti new age. Solo alcuni pregavano uno specifico essere religioso o leader carismatico. Variavano per età, sesso, razza, credo, cultura, stato di istruzione, professione e fascia fiscale. Solo pochi si esercitavano ogni giorno e non tutti seguivano lo stesso regime alimentare. Erano di diversi tipi di corpo e livelli di fitness. Variavano le loro abitudini riguardo all'alcol, alle sigarette, alla televisione e ad altri media. Non tutti erano eterosessuali; non tutti erano sessualmente attivi. I miei intervistati non avevano alcuna situazione esterna in comune che sembrava aver causato i cambiamenti misurabili nel loro stato di salute.

Coincidenza n. 1: un'intelligenza superiore innata ci dà la vita e può guarire il corpo

Le persone con cui ho parlato che hanno sperimentato una remissione spontanea credevano che un ordine o un'intelligenza superiore vivesse dentro di lui o lei. Sia che lo chiamassero la loro mente divina, spirituale o subconscia, hanno accettato che un potere interiore stava dando loro la vita in ogni momento e che sapeva più di quanto loro, come esseri umani, avrebbero mai potuto sapere. Inoltre, se solo potessero attingere a questa intelligenza, potrebbero dirigerla per iniziare a lavorare per loro.

Mi sono reso conto che non c'è nulla di mistico in questa mente più grande. È la stessa intelligenza che organizza e regola tutte le funzioni del corpo. Questo potere fa battere il nostro cuore senza interruzioni più di 100,000 volte al giorno, senza che ci fermiamo mai a pensarci. Ciò equivale a oltre 40 milioni di battiti cardiaci all'anno, quasi tre miliardi di pulsazioni in una durata compresa tra 70 e 80 anni. Tutto questo avviene automaticamente, senza cure o pulizie, riparazioni o sostituzioni. Una coscienza elevata sta evidenziando una volontà che è molto più grande della nostra volontà.

Allo stesso modo, non pensiamo a ciò che il nostro cuore sta pompando: due galloni di sangue al minuto, ben oltre 100 galloni all'ora, attraverso un sistema di canali vascolari di circa 60,000 miglia di lunghezza, o il doppio della circonferenza della terra. Eppure il sistema circolatorio costituisce solo circa il 3 per cento della nostra massa corporea. (1) Ogni 20-60 secondi, ogni globulo fa un giro completo attraverso il corpo e ogni globulo rosso fa ovunque tra 75,000 e 250,000 round trip nel corso della sua vita. (A proposito, se tutti i globuli rossi nel tuo flusso sanguigno fossero allineati da un capo all'altro, raggiungerebbero 31,000 miglia nel cielo.) Nel secondo che ti serve per inalare, perdi tre milioni di globuli rossi e nel secondo successivo verrà sostituito lo stesso numero. Quanto tempo vivremmo se dovessimo concentrarci sul far accadere tutto questo? Una mente più grande (più espansa) deve orchestrare tutto questo per noi.

Per favore smetti di leggere per un secondo. Proprio ora, in ciascuna delle vostre cellule si sono verificate circa 100,000 reazioni chimiche. Ora moltiplica 100,000 reazioni chimiche per i 70-100 trilioni di cellule che compongono il tuo corpo. La risposta ha più zeri di quanto la maggior parte delle calcolatrici possa visualizzare, eppure ogni secondo quel numero sbalorditivo di reazioni chimiche avviene dentro di te. Devi pensare di eseguire anche una di quelle reazioni? Molti di noi non riescono nemmeno a bilanciare i libretti degli assegni o ricordare più di sette articoli dalle nostre liste della spesa, quindi è una fortuna per noi che qualche intelligenza più intelligente della nostra mente cosciente stia conducendo lo spettacolo.

In quello stesso secondo, 10 milioni delle vostre cellule sono morte e nell'istante successivo quasi 10 milioni di nuove cellule hanno preso il loro posto. (2) Il pancreas stesso rigenera quasi tutte le sue cellule in un giorno. Eppure non pensiamo un attimo allo smaltimento di quelle cellule morte, oa tutte le funzioni necessarie che entrano nella mitosi, il processo che dà origine alla produzione di nuove cellule per la riparazione e la crescita dei tessuti. Calcoli recenti stimano che la comunicazione tra le cellule viaggi effettivamente più velocemente della velocità della luce. Al momento, probabilmente stai pensando al tuo corpo. Eppure qualcosa di diverso dalla tua mente cosciente sta causando la secrezione di enzimi in quantità esatte per digerire il cibo che hai consumato nei suoi nutrienti componenti. Un meccanismo di ordine superiore consiste nel filtrare litri di sangue attraverso i reni ogni ora per produrre urina ed eliminare i rifiuti. (In un'ora, le macchine per dialisi renale più avanzate possono filtrare solo dal 15 al 20 percento dei rifiuti del corpo dal sangue.) Questa mente superiore mantiene precisamente le 66 funzioni del fegato, anche se la maggior parte delle persone non immaginerebbe mai che questo organo funzioni così molti compiti.

E infine, se ti impegnassi a non alzarti per affrontare la giornata fino a quando non ti sentissi davvero come quel nuovo ideale, condizioneresti anche il corpo a lavorare finalmente insieme alla tua nuova mente. In realtà, i tuoi pensieri condizionano la tua mente e le tue sensazioni condizionano il tuo corpo. E quando hai mente e corpo che lavorano insieme, hai il potere dell'universo dietro di te. Quando cammini nella tua vita quel giorno, mantenendo questo stato modificato, qualcosa dovrebbe essere diverso nel tuo mondo come risultato del tuo sforzo. Nessuno è escluso da questo fenomeno.

La stessa intelligenza può indirizzare minuscole proteine ​​a leggere la sofisticata sequenza dell'elica del DNA meglio di qualsiasi tecnologia attuale. Questa è un'impresa, considerando che se potessimo svelare il DNA da tutte le cellule del nostro corpo e allungarlo da un capo all'altro, raggiungerebbe il sole e ritorno 150 volte! (3) In qualche modo, la nostra mente superiore orchestra minuscoli enzimi proteici che sfrecciano costantemente attraverso i 3.2 miliardi di sequenze di acidi nucleici che sono i geni in ogni cellula, controllando le mutazioni. La nostra versione interiore di Homeland Security sa come combattere migliaia di batteri e virus senza che dobbiamo mai renderci conto che siamo sotto attacco. Memorizza persino quegli invasori in modo che se entrano di nuovo in noi, il sistema immunitario è meglio preparato.

La cosa più meravigliosa di tutte, questa forza vitale sa come partire da due sole cellule, uno spermatozoo e un uovo, e creare le nostre quasi 100 trilioni di cellule specializzate. Dopo averci dato la vita, poi la rigenera continuamente e regola un numero incredibile di processi. Potremmo non notare la nostra mente superiore al lavoro, ma nel momento in cui moriamo, il corpo inizia a crollare perché questo potere interiore è andato via.

Come le persone che ho intervistato, ho dovuto riconoscere che una certa intelligenza è all'opera in noi che supera di gran lunga le nostre capacità coscienti. Anima il nostro corpo in ogni singolo momento e il suo funzionamento incredibilmente complesso avviene virtualmente dietro la nostra schiena. Siamo esseri coscienti, ma in genere prestiamo attenzione solo agli eventi che riteniamo importanti per noi. Quelle 100,000 reazioni chimiche ogni secondo nelle nostre 100 trilioni di cellule sono un'espressione miracolosa della forza vitale. Eppure l'unica volta che diventano significativi per la mente cosciente è quando qualcosa va storto.

Questo aspetto del sé è oggettivo e incondizionato. Se siamo vivi, questa forza vitale si esprime attraverso di noi. Condividiamo tutti questo ordine innato, indipendentemente dal sesso, dall'età e dalla genetica. Questa intelligenza trascende razza, cultura, posizione sociale, status economico e credenze religiose. Dà vita a tutti, che ci pensiamo o no, che siamo svegli o addormentati, che siamo felici o tristi. Una mente più profonda ci permette di credere a tutto ciò che vogliamo, di avere simpatie e antipatie, di consentire o di giudicare. Questo donatore di vita presta potere a qualunque cosa siamo; ci conferisce il potere di esprimere la vita in qualunque modo scegliamo.

Questa intelligenza sa come mantenere l'ordine tra tutte le cellule, i tessuti, gli organi e i sistemi del corpo perché ha creato il corpo da due singole cellule. Ancora una volta, il potere che ha creato il corpo è il potere che mantiene e guarisce il corpo.

Le malattie dei miei soggetti indicavano che, in una certa misura, si erano allontanati o si erano allontanati da una parte della loro connessione con questo ordine superiore. Forse il loro stesso pensiero aveva in qualche modo diretto questa intelligenza verso la malattia e lontano dalla salute. Ma sono arrivati ​​a capire che se avessero attinto a questa intelligenza e usato i loro pensieri per dirigerla, avrebbe saputo come curare i loro corpi per loro. La loro mente più grande sapeva già come prendersi cura degli affari, se solo potevano mettersi in contatto con essi.

Le capacità di questa intelligenza innata, mente subconscia o natura spirituale sono di gran lunga maggiori di qualsiasi pillola, terapia o trattamento, e stanno solo aspettando il nostro permesso per agire volontariamente. Stiamo cavalcando sul dorso di un gigante e stiamo ottenendo un giro gratuito.

Coincidenza n. 2: i pensieri sono reali; I pensieri influenzano direttamente il corpo

Il modo in cui pensiamo influisce sul nostro corpo e sulla nostra vita. Potresti aver sentito questo concetto espresso in vari modi, ad esempio in quella frase "mente sulla materia". Le persone che ho intervistato non solo condividevano questa convinzione, ma l'hanno anche usata come base per apportare cambiamenti consapevoli nella propria mente, corpo e vita personale. Per capire come ci sono riusciti, ho iniziato a studiare il crescente corpo di ricerca sulla relazione tra pensiero e corpo fisico.

C'è un campo della scienza emergente chiamato psiconeuroimmunologia che ha dimostrato la connessione tra la mente e il corpo. Posso descrivere ciò che ho imparato in questi termini semplicistici: ogni tuo pensiero produce una reazione biochimica nel cervello. Il cervello rilascia quindi segnali chimici che vengono trasmessi al corpo, dove agiscono come messaggeri del pensiero. I pensieri che producono le sostanze chimiche nel cervello consentono al tuo corpo di sentirsi esattamente come stavi pensando. Quindi ogni pensiero produce una sostanza chimica che corrisponde a una sensazione nel tuo corpo. In sostanza, quando pensi pensieri felici, stimolanti o positivi, il tuo cervello produce sostanze chimiche che ti fanno sentire gioioso, ispirato o edificato. Ad esempio, quando prevedi un'esperienza piacevole, il cervello produce immediatamente un neurotrasmettitore chimico chiamato dopamina, che accende il cervello e il corpo in previsione di quell'esperienza e ti fa iniziare a sentirti eccitato. Se hai pensieri odiosi, arrabbiati o autoironici, il cervello produce anche sostanze chimiche chiamate neuropeptidi a cui il corpo risponde in modo comparabile. Ti senti odioso, arrabbiato o indegno. Vedi, i tuoi pensieri diventano immediatamente materia.

Quando il corpo risponde a un pensiero avendo una sensazione, questo avvia una risposta nel cervello. Il cervello, che monitora e valuta costantemente lo stato del corpo, nota che il corpo si sente in un certo modo. In risposta a quella sensazione corporea, il cervello genera pensieri che producono corrispondenti messaggeri chimici; inizi a pensare nel modo in cui ti senti. Il pensiero crea il sentimento, e poi il sentimento crea il pensiero, in un ciclo continuo.

Questo ciclo alla fine crea uno stato particolare nel corpo che determina la natura generale di come ci sentiamo e ci comportiamo. Lo chiameremo uno stato dell'essere. Ad esempio, supponiamo che una persona viva gran parte della sua vita in un ciclo ripetitivo di pensieri e sentimenti legati all'insicurezza. Nel momento in cui pensa di non essere abbastanza brava o abbastanza intelligente o abbastanza, il suo cervello rilascia sostanze chimiche che producono una sensazione di insicurezza. Ora si sente nel modo in cui stava pensando. Una volta che si sente insicura, inizierà a pensare nel modo in cui si sentiva. In altre parole, il suo corpo ora le fa pensare. Questo pensiero porta a più sentimenti di insicurezza, e così il ciclo si perpetua. Se i pensieri e i sentimenti di questa persona continuano, anno dopo anno, a generare lo stesso ciclo di feedback biologico tra il suo cervello e il suo corpo, esisterà in uno stato dell'essere che viene chiamato "insicuro".

Più pensiamo gli stessi pensieri, che poi producono le stesse sostanze chimiche, che fanno sì che il corpo abbia le stesse sensazioni, più veniamo fisicamente modificati dai nostri pensieri. In questo modo, a seconda di ciò che pensiamo e proviamo, creiamo il nostro stato d'essere. Ciò a cui pensiamo e l'energia o l'intensità di questi pensieri influenza direttamente la nostra salute, le scelte che facciamo e, in definitiva, la nostra qualità di vita.

Applicando questo ragionamento alla propria vita, molti intervistati hanno capito che molti dei loro pensieri non solo non servivano alla loro salute, ma potrebbero anche essere la ragione per cui le loro condizioni infelici o malsane si sono sviluppate in primo luogo. Molti di loro hanno trascorso quasi ogni giorno per decenni in stati interni di ansia, preoccupazione, tristezza, gelosia, rabbia o qualche altra forma di dolore emotivo. Pensare e sentire, sentire e pensare così per così tanto tempo, dicevano, era ciò che aveva manifestato le loro condizioni.

Ecco un esempio: lo sviluppo di un disturbo digestivo dopo l'altro e la convivenza con un dolore costante alla colonna vertebrale hanno finalmente spinto Tom a esaminare la sua vita. Dopo aver riflettuto su di sé, si rese conto di aver represso i sentimenti di disperazione causati dallo stress di rimanere in un lavoro che lo rendeva infelice. Aveva passato due decenni ad essere arrabbiato e frustrato con il suo datore di lavoro, i colleghi e la famiglia. Altre persone spesso sperimentavano l'irritazione di Tom, ma per tutto quel tempo i suoi pensieri segreti avevano ruotato intorno all'autocommiserazione e alla vittimizzazione. Sperimentare ripetutamente questi rigidi schemi di pensiero, credere, sentire e vivere equivaleva ad atteggiamenti tossici che il corpo di Tom semplicemente "non poteva sopportare". La sua guarigione iniziò, mi disse Tom, quando riconobbe che i suoi atteggiamenti inconsci erano la base del suo stato d'essere, della persona che era diventato. La maggior parte di coloro i cui casi clinici ho studiato sono giunti a conclusioni simili a quelle di Tom.

Per iniziare a cambiare i loro atteggiamenti, questi individui iniziarono a prestare costante attenzione ai loro pensieri. In particolare, hanno fatto uno sforzo cosciente per osservare i loro processi di pensiero automatici, specialmente quelli dannosi. Con loro sorpresa, hanno scoperto che la maggior parte delle loro affermazioni interiori persistenti e negative non erano vere. In altre parole, solo perché abbiamo un pensiero non significa necessariamente che dobbiamo credere che sia vero. È un dato di fatto, la maggior parte dei pensieri sono idee che inventiamo e poi arriviamo a credere. Credere diventa semplicemente un'abitudine. Ad esempio, Sheila, con tutti i suoi disturbi digestivi, ha notato quanto spesso si considerava una vittima senza la capacità di cambiare la sua vita. Vide che questi pensieri avevano innescato sentimenti di impotenza. Mettere in discussione questa convinzione le ha permesso di ammettere che la sua laboriosa madre non aveva fatto nulla per impedire o dissuadere Sheila dal perseguire i suoi sogni.

Alcuni dei miei soggetti hanno paragonato i loro pensieri ripetitivi a programmi per computer in esecuzione tutto il giorno, ogni giorno, sullo sfondo della loro vita. Poiché queste persone erano quelle che gestivano questi programmi, potevano scegliere di modificarli o addirittura eliminarli.

Questa è stata una visione cruciale. Ad un certo punto, tutti coloro che ho intervistato hanno dovuto lottare contro l'idea che i propri pensieri fossero incontrollabili. Invece, hanno dovuto scegliere di essere liberi e prendere il controllo del loro pensiero. Tutti avevano deciso di interrompere i processi di pensiero negativi abituali prima che potessero produrre reazioni chimiche dolorose nel loro corpo. Questi individui erano determinati a gestire i loro pensieri ed eliminare modi di pensare che non li servivano.

I pensieri coscienti, ripetuti abbastanza spesso, diventano pensiero inconscio. In un esempio comune di questo, dobbiamo pensare consapevolmente a ogni nostra azione mentre stiamo imparando a guidare. Dopo molta pratica, possiamo guidare per 100 miglia dal punto A al punto B e non ricordare nessuna parte del viaggio, perché il nostro subconscio è tipicamente al volante. Abbiamo tutti sperimentato di essere in uno stato inconsapevole durante una guida di routine, solo per sentire la nostra mente cosciente che si riattiva in risposta a un suono insolito del motore o al tonfo ritmico di una gomma a terra. Quindi, se intratteniamo continuamente gli stessi pensieri, inizieranno come pensieri coscienti, ma alla fine diventeranno programmi di pensiero automatici e inconsci. C'è una valida spiegazione nelle neuroscienze per come ciò avvenga. Capirai come ciò avvenga da un punto di vista scientifico quando finirai di leggere questo libro.

Questi modi inconsci di pensare diventano i nostri modi inconsci di essere. E influenzano direttamente le nostre vite proprio come fanno i pensieri coscienti. Proprio come tutti i pensieri innescano reazioni biochimiche che portano al comportamento, i nostri pensieri ripetitivi e inconsci producono modelli di comportamento automatici e acquisiti che sono quasi involontari. Questi modelli comportamentali sono abitudini e, sicuramente, diventano neurologicamente cablati nel cervello.

Ci vogliono consapevolezza e impegno per interrompere il ciclo di un processo di pensiero che è diventato inconscio. In primo luogo, dobbiamo uscire dalla nostra routine in modo da poter guardare le nostre vite. Attraverso la contemplazione e l'auto-riflessione, possiamo diventare consapevoli dei nostri copioni inconsci. Quindi, dobbiamo osservare questi pensieri senza rispondere ad essi, in modo che non inizino più le risposte chimiche automatiche che producono comportamenti abituali. In tutti noi possediamo un livello di autoconsapevolezza che può osservare il nostro pensiero. Dobbiamo imparare a essere separati da questi programmi e quando lo facciamo, possiamo volontariamente avere il dominio su di essi. In definitiva, possiamo esercitare il controllo sui nostri pensieri. In tal modo, stiamo distruggendo neurologicamente i pensieri che sono diventati cablati nel nostro cervello.

Poiché sappiamo dalla neuroscienza che i pensieri producono reazioni chimiche nel cervello, avrebbe senso, quindi, che i nostri pensieri avrebbero qualche effetto sul nostro corpo fisico modificando il nostro stato interno. Non solo i nostri pensieri contano nel modo in cui viviamo la nostra vita, ma i nostri pensieri diventano materia proprio nel nostro corpo. Pensieri . . . importa.

Nella loro convinzione che i pensieri siano reali e che il modo in cui le persone pensano abbia un impatto diretto sulla loro salute e sulla loro vita, questi individui hanno visto che i loro processi di pensiero erano ciò che li aveva messi nei guai. Cominciarono a esaminare la loro vita in modo analitico. Quando sono stati ispirati e diligenti nel cambiare il loro modo di pensare, sono stati in grado di rivitalizzare la loro salute. Un nuovo atteggiamento può diventare una nuova abitudine.

Coincidenza n. 3: possiamo reinventare noi stessi

Motivati ​​com'erano da gravi malattie sia fisiche che mentali, le persone che ho intervistato si sono rese conto che nel pensare nuovi pensieri, dovevano andare fino in fondo. Per diventare una persona cambiata, dovrebbero ripensare se stessi a una nuova vita. Tutti coloro che hanno riportato la loro salute alla normalità lo hanno fatto dopo aver preso una decisione consapevole di reinventarsi.

Allontanandosi spesso dalla routine quotidiana, trascorrevano del tempo da soli, pensando e contemplando, esaminando e speculando su che tipo di persone volevano diventare. Hanno posto domande che hanno messo in discussione le loro supposizioni più profonde su chi fossero. Le domande "e se" fossero vitali per questo processo: e se smettessi di essere una persona infelice, egocentrica e sofferente, e come posso cambiare? E se non mi preoccupassi più, non mi sentissi in colpa o avessi rancore? E se iniziassi a dire la verità a me stesso e agli altri? Quei "e se" li hanno portati ad altre domande: quali persone conosco che di solito sono felici e come si comportano? Quali personaggi storici ammiro come nobili e unici? Come potrei essere come loro? Cosa dovrei dire, fare, pensare e agire per presentarmi in modo diverso al mondo? Cosa voglio cambiare di me stesso?

La raccolta di informazioni è stato un altro passo importante nel percorso verso la reinvenzione. Coloro che ho intervistato hanno dovuto prendere ciò che sapevano di se stessi, quindi riformattare il loro pensiero per sviluppare nuove idee su chi volevano diventare. Ognuno ha iniziato con idee dalle proprie esperienze di vita. Hanno anche approfondito libri e film su persone che rispettavano. Mettendo insieme alcuni dei pregi e dei punti di vista di queste figure, insieme ad altre qualità che stavano contemplando, hanno usato tutto questo come materia prima per iniziare a costruire una nuova rappresentazione di come volevano esprimersi.

Mentre questi individui esploravano le possibilità di un modo migliore di essere, imparavano anche nuovi modi di pensare. Hanno interrotto il flusso di pensieri ripetitivi che avevano occupato la maggior parte dei loro momenti di veglia. Lasciando andare queste abitudini di pensiero familiari e confortevoli, hanno assemblato un concetto più evoluto di chi potevano diventare, sostituendo una vecchia idea di se stessi con un nuovo, più grande ideale. Hanno impiegato del tempo ogni giorno per provare mentalmente come sarebbe stata questa nuova persona. Come discusso nel capitolo 1, le prove mentali stimolano il cervello a sviluppare nuovi circuiti neurali e cambiano il modo in cui funzionano il cervello e la mente.

Nel 1995, nel Journal of Neurophysiology, è stato pubblicato un articolo che dimostrava gli effetti che le sole prove mentali avevano sullo sviluppo di reti neurali nel cervello.6 Le reti neurali sono gruppi individuali di neuroni (o cellule nervose) che lavorano insieme e indipendentemente in un funzionamento cervello. Le reti neurali, come le chiameremo affettuosamente, sono l'ultimo modello nelle neuroscienze per spiegare come impariamo e come ricordiamo. Possono anche essere usati per spiegare come il cervello cambia con ogni nuova esperienza, come si formano diversi tipi di ricordi, come si sviluppano le abilità, come vengono dimostrate azioni e comportamenti consci e inconsci e anche come vengono elaborate tutte le forme di informazioni sensoriali. Le reti neurali sono l'attuale comprensione nelle neuroscienze che spiega come cambiamo a livello cellulare. In questa particolare ricerca, a quattro gruppi di individui è stato chiesto di partecipare a uno studio di cinque giorni che prevedeva la pratica del pianoforte, al fine di misurare i cambiamenti che potrebbero aver luogo nel cervello. Il primo gruppo di volontari ha imparato e memorizzato una sequenza specifica con una mano e cinque dita che hanno praticato fisicamente ogni giorno per due ore durante quel periodo di cinque giorni.

Al secondo gruppo di individui è stato chiesto di suonare il pianoforte senza alcuna istruzione o conoscenza di una sequenza specifica. Hanno suonato in modo casuale per due ore ogni giorno per cinque giorni senza imparare alcuna sequenza di note.

Il terzo gruppo di persone non ha mai nemmeno toccato il pianoforte, ma ha avuto l'opportunità di osservare ciò che è stato insegnato al primo gruppo fino a quando non lo hanno saputo dalla memoria nella loro mente. Poi hanno provato mentalmente i loro esercizi immaginando se stessi nell'esperienza per la stessa durata di tempo al giorno dei partecipanti al primo gruppo.

Il quarto gruppo era il gruppo di controllo; non hanno fatto niente. Non hanno mai imparato o praticato nulla in questo particolare esperimento. Non si sono nemmeno mai presentati.

Alla fine dei cinque giorni di studio, gli sperimentatori hanno utilizzato una tecnica chiamata stimolazione magnetica transcranica insieme ad alcuni altri sofisticati gadget, al fine di misurare eventuali cambiamenti avvenuti nel cervello. Con loro sorpresa, il gruppo che ha provato solo mentalmente ha mostrato quasi gli stessi cambiamenti, coinvolgendo l'espansione e lo sviluppo di reti neurali nella stessa area specifica del loro cervello, dei partecipanti che hanno praticato fisicamente le sequenze al pianoforte. Il secondo gruppo, che non ha appreso alcuna sequenza di pianoforte, ha mostrato pochissimi cambiamenti nel cervello, dal momento che non hanno suonato la stessa serie di esercizi più e più volte ogni giorno. La casualità della loro attività non ha mai stimolato gli stessi circuiti neurali su base ripetitiva, e quindi non ha rafforzato alcuna connessione cellulare aggiuntiva. Il gruppo di controllo, quelli che non si sono mai presentati, non ha evidenziato alcun cambiamento.

In che modo il terzo gruppo ha prodotto gli stessi cambiamenti cerebrali del primo gruppo senza mai toccare la tastiera? Attraverso la focalizzazione mentale, il terzo gruppo di partecipanti ha ripetutamente attivato reti neurali specifiche in particolari aree del cervello. Di conseguenza, hanno collegato insieme quelle cellule nervose in misura maggiore. Questo concetto nelle neuroscienze è chiamato apprendimento Hebbian. (7) L'idea è semplice: le cellule nervose che si attivano insieme, si collegano insieme. Pertanto, quando le bande di neuroni vengono ripetutamente stimolate, costruiranno connessioni più forti e più arricchite tra loro.

Secondo le scansioni funzionali del cervello in questo particolare esperimento, i soggetti che stavano provando mentalmente stavano attivando il loro cervello nello stesso modo come se stessero effettivamente eseguendo lo sforzo. L'attivazione ripetitiva dei neuroni ha modellato e sviluppato un gruppo di neuroni in una parte specifica del cervello, che ora supportava il modello dell'intento cosciente. A volontà, i loro pensieri sono stati mappati e tracciati nel cervello. È interessante notare che i circuiti si sono rafforzati e sviluppati nella stessa area del cervello del gruppo che praticava fisicamente. Sono cresciuti e hanno cambiato il loro cervello solo pensando. Con il giusto sforzo mentale, il cervello non conosce la differenza tra sforzo mentale o fisico.

L'esperienza di Sheila nel curare la sua malattia digestiva illustra questo processo di reinvenzione. Sheila aveva deciso che non avrebbe più rivisitato i ricordi del suo passato e gli atteggiamenti associati che l'avevano definita vittima. Dopo aver identificato i processi di pensiero abituali che voleva rilasciare, ha coltivato un livello di consapevolezza in cui aveva abbastanza controllo per interrompere i suoi pensieri inconsci. Pertanto, non attiva più quotidianamente le stesse reti neurali associate. Una volta che Shelia ha ottenuto il dominio su quei vecchi schemi di pensiero e non ha più attivato quelle abitudini neurologiche del pensiero, il suo cervello ha iniziato a eliminare quei circuiti inutilizzati. Questo è un altro aspetto correlato dell'apprendimento Hebbian che possiamo riassumere come segue: le cellule nervose che non si attivano più insieme, non si collegano più insieme. Questa è la legge universale di "usarla o perderla" in azione e può fare miracoli nel cambiare i vecchi paradigmi di pensiero su noi stessi. Nel corso del tempo, Sheila si è liberata del fardello di pensieri vecchi e limitati che avevano colorato la sua vita.

Ora è diventato più facile per Sheila immaginare la persona che voleva essere. Ha esplorato possibilità che non aveva mai considerato prima. Per settimane si è concentrata su come avrebbe pensato e agito come questa nuova persona sconosciuta. Rivedeva costantemente queste nuove idee su se stessa in modo che potesse ricordare chi sarebbe stata quel giorno. Alla fine, si è trasformata in una persona sana, felice ed entusiasta del suo futuro. Ha sviluppato nuovi circuiti cerebrali, proprio come hanno fatto i pianisti. È interessante notare qui che la maggior parte delle persone che ho intervistato non si è mai sentita come se dovessero disciplinarsi per farlo. Invece, amavano praticare mentalmente chi volevano diventare.

Come Sheila, tutte le persone che hanno condiviso con me le loro case history sono riuscite a reinventarsi. Persistevano nel prestare attenzione al loro nuovo ideale finché non divenne il loro modo familiare di essere. Sono diventati qualcun altro e quella nuova persona aveva nuove abitudini. Hanno rotto l'abitudine di essere se stessi. Il modo in cui hanno realizzato questo ci porta al quarto credo condiviso da coloro che hanno sperimentato guarigioni fisiche.

Come Sheila, tutte le persone che hanno condiviso con me le loro case history sono riuscite a reinventarsi. Persistevano nel prestare attenzione al loro nuovo ideale finché non divenne il loro modo familiare di essere. Sono diventati qualcun altro e quella nuova persona aveva nuove abitudini. Hanno rotto l'abitudine di essere se stessi. Il modo in cui hanno realizzato questo ci porta al quarto credo condiviso da coloro che hanno sperimentato guarigioni fisiche.

Coincidenza n. 4: siamo in grado di prestare attenzione così bene da poter perdere di vista lo spazio e il tempo relativi

Le persone che ho intervistato sapevano che altri prima di loro avevano curato le proprie malattie, quindi credevano che la guarigione fosse possibile anche per loro. Ma non hanno lasciato la loro guarigione al caso. Sperare e desiderare non avrebbe funzionato. Il solo sapere cosa dovevano fare non era abbastanza. La guarigione richiedeva a questi rari individui di cambiare idea in modo permanente e creare intenzionalmente i risultati che desideravano. Ogni persona doveva raggiungere uno stato di decisione assoluta, volontà assoluta, passione interiore e concentrazione completa. Come ha detto Dean, "Devi solo prendere una decisione!"

Questo approccio richiede un grande sforzo. Il primo passo per tutti loro è stata la decisione di rendere questo processo la cosa più importante della loro vita. Ciò significava abbandonare i loro programmi abituali, le attività sociali, le abitudini di visione della televisione e così via. Se avessero continuato a seguire la loro routine abituale, avrebbero continuato a essere la stessa persona che aveva manifestato la malattia. Per cambiare, per cessare di essere la persona che erano stati, non potevano più fare le cose che avevano fatto normalmente.

Invece, questi anticonformisti si sono seduti ogni giorno e hanno iniziato a reinventarsi. L'hanno reso più importante che fare qualsiasi altra cosa, dedicando ogni momento del loro tempo libero a questo sforzo. Ognuno si esercitava a diventare un osservatore obiettivo dei suoi vecchi pensieri familiari. Si rifiutavano di permettere a qualsiasi cosa tranne che alle loro intenzioni di occupare la loro mente. Potreste pensare: "È abbastanza facile da fare quando ci si trova di fronte a una grave crisi di salute. Dopotutto, la mia vita è nelle mie mani. “Ebbene, la maggior parte di noi non soffre di qualche afflizione - fisica, emotiva o spirituale - che influisce sulla qualità della nostra vita? Questi disturbi non meritano lo stesso tipo di attenzione focalizzata?

Certamente, queste persone hanno dovuto lottare con convinzioni limitanti, dubbi su se stessi e paure. Hanno dovuto negare sia le loro voci interne familiari che le voci esterne di altre persone, specialmente quando queste voci li spingevano a preoccuparsi e a concentrarsi sull'esito clinico previsto della loro condizione.

Quasi tutti hanno commentato che questo livello mentale non è facile da raggiungere. Non si erano mai resi conto di quante chiacchiere occupassero la mente inesperta. All'inizio si chiedevano cosa sarebbe successo se avessero cominciato a cadere in schemi di pensiero abituali. Avrebbero la forza di impedire a se stessi di tornare ai loro vecchi modi? Riusciranno a mantenere la consapevolezza dei loro pensieri per tutta la giornata? Ma con l'esperienza, hanno scoperto che ogni volta che tornavano ad essere il loro sé precedente, potevano rilevare questo e interrompere quel programma. Più praticavano prestando attenzione ai loro pensieri, più facile diventava questo processo e meglio si sentivano per il loro futuro. Sentendosi pacifico e calmo, cullato da un senso di chiarezza, è emerso un nuovo sé.

È interessante notare che tutti i soggetti hanno riferito di aver sperimentato un fenomeno che è diventato parte della loro nuova vita. Durante lunghi periodi di introspezione sulla reinvenzione di se stessi, furono così coinvolti nel concentrarsi sul momento presente e sul loro intento che accadde qualcosa di straordinario. Hanno perso completamente le tracce del loro corpo, tempo e spazio. Niente era reale per loro tranne i loro pensieri.

Consentitemi di metterlo in prospettiva. La nostra consapevolezza quotidiana e cosciente è tipicamente coinvolta in tre cose:

Nome, siamo consapevoli di essere in un corpo. Il nostro cervello riceve feedback su ciò che sta accadendo all'interno del corpo e quali stimoli sta ricevendo dal nostro ambiente, e noi descriviamo ciò che il corpo prova in termini di sensazioni fisiche

Secondo, siamo consapevoli del nostro ambiente. Lo spazio intorno a noi è la nostra connessione con la realtà esterna; prestiamo attenzione alle cose, agli oggetti, alle persone e ai luoghi che ci circondano.

Terzo, abbiamo il senso del tempo che passa; strutturiamo la nostra vita nel concetto di tempo.

Tuttavia, quando le persone si concentrano interiormente attraverso una seria contemplazione autoriflessiva, quando provano mentalmente nuove possibilità di chi potrebbero diventare, sono capaci di immergersi così tanto in ciò a cui stanno pensando che, a volte, la loro attenzione è completamente distaccata da il loro corpo e il loro ambiente; questi sembrano svanire o scomparire. Anche il concetto di tempo svanisce. Non che stiano pensando al tempo, ma dopo tali periodi, quando aprono gli occhi, si aspettano di scoprire che è passato solo un minuto o due, solo per scoprire che le ore sono passate. In questi momenti, non ci preoccupiamo dei problemi, né proviamo dolore. Ci dissociamo dalle sensazioni del nostro corpo e dalle associazioni a tutto ciò che è nel nostro ambiente. Possiamo essere così coinvolti nel processo creativo da dimenticarci di noi stessi.

Quando si verifica questo fenomeno, questi individui non sono consapevoli di nient'altro che dei loro pensieri. In altre parole, l'unica cosa che è reale per loro è la consapevolezza di ciò che stanno pensando. Quasi tutti lo hanno espresso con parole simili. "Andrei in quest'altro posto nella mia mente", ha detto un soggetto, "dove non c'erano distrazioni, non c'era tempo, non avevo corpo, non c'era niente, niente" tranne i miei pensieri. " In effetti, sono diventati un non-corpo, un niente, in nessun tempo. Hanno lasciato la loro attuale associazione con l'essere qualcuno, il "tu" o "sé", e sono diventati un nessuno.

In questo stato, come avrei dovuto apprendere, questi individui potevano iniziare a diventare esattamente ciò che stavano immaginando. Il cervello umano, attraverso il lobo frontale, ha la capacità di abbassare il volume, o addirittura escludere, gli stimoli del corpo e dell'ambiente, così come la consapevolezza del tempo. L'ultima ricerca nella tecnologia di scansione cerebrale funzionale ha dimostrato che quando le persone sono veramente concentrate e concentrate, i circuiti cerebrali associati al tempo, allo spazio e alle sensazioni / movimenti / percezioni sensoriali del corpo si calmano letteralmente.8 Come esseri umani, abbiamo il privilegio di rendere i nostri pensieri più reali di qualsiasi altra cosa, e quando lo facciamo, il cervello registra quelle impressioni nelle pieghe profonde dei suoi tessuti. Padroneggiare questa abilità è ciò che ci permette di iniziare a ricablare il nostro cervello e cambiare le nostre vite.

Noi crediamo

possibilità

il potere di cambiare noi stessi

la capacità del corpo di guarire

il raro

celebrare la vita

miracoli

un amore superiore

futuro

atteggiamento

prova

altro

l'invisibile

saggezza

I nostri figli

sincronicità

libertà

i nostri anziani

mente sulla materia

Credi? Unisciti al movimento

* Completando questo modulo ti iscrivi per ricevere le nostre e-mail e puoi cancellarti in qualsiasi momento