traduzione mancante: en.general.general.skip_content

Il carrello

Chiudi Carrello

Il più grande mistero irrisolto: l'evoluzione

Joe Dispenza / 24 giugno 2016

The Greatest Unsolved Mystery—Evolution

L'evoluzione umana è forse uno dei misteri irrisolti più affascinanti che ci siano. Sebbene sia un fatto scientifico che non ci siamo evoluti da Neanderthal ma abbiamo coesistito con loro, qualcosa di sismico e inspiegabile si è verificato nella nostra evoluzione da qualche parte tra 250,000 e 300,000 anni fa.

Con l'evoluzione degli animali e delle specie, la loro massa cerebrale si è ingrandita allo stesso rapporto dei polmoni, del fegato, dello stomaco e del resto della loro struttura fisica. La maggior parte dei mammiferi ha raggiunto l'apice della propria evoluzione in termini di complessità e massa cerebrale circa 250,000 anni fa. I primi esseri umani avrebbero dovuto svilupparsi e stabilizzarsi alla stessa velocità degli altri animali durante quel periodo, eppure accadde qualcosa di straordinario; la neocorteccia umana, la parte del cervello responsabile del funzionamento superiore come la percezione sensoriale, le capacità motorie, l'apprendimento, il ragionamento, la consapevolezza, la creatività e il pensiero cosciente, ha subito un enorme balzo in termini di massa e complessità complessive in un breve lasso di tempo. 

Questa improvvisa accelerazione nel volume e nella densità della massa cerebrale sembra essersi verificata spontaneamente e inspiegabilmente, in contrasto con il normale corso lineare dell'evoluzione. Cosa ha causato questo sviluppo esplosivo del cervello, che ci ha dato una neocorteccia molto più grande e densa di quella di qualsiasi altra specie? Perché il cervello si è espanso così tanto, mentre le dimensioni della testa, sia in generale che in relazione alla crescita del resto del corpo, non tengono il passo?

Il volume complessivo del cranio umano si è ingrandito in una certa misura ma non proporzionalmente, come previsto dall'evoluzione animale. Gli scienziati ritengono che se la testa umana fosse cresciuta alla stessa velocità del cervello, il bacino femminile non avrebbe potuto accogliere la circonferenza cranica allargata di un bambino durante la nascita.

Anche oggi, il processo di parto umano rimane rischioso e difficile a causa delle dimensioni della testa del feto. Allora, un aumento delle dimensioni della testa fetale senza un aumento delle dimensioni pelviche avrebbe accelerato la mortalità infantile e materna e gli esseri umani sarebbero stati eliminati come specie. Una possibile soluzione che Madre Natura ha rifiutato è stata semplicemente quella di aumentare le dimensioni del bacino femminile per consentire una maggiore circonferenza della testa del feto. Possiamo solo immaginare in quale forma si sarebbero evolute le femmine se ci fosse stato questo aumento delle dimensioni della testa. Con un tale aumento della capacità pelvica, questo probabilmente avrebbe costretto le prime donne umane a tornare su quattro zampe.

La soluzione della natura alla necessità di un cervello più grande senza un corrispondente aumento delle dimensioni del cranio era semplice ed elegante. Il cervello si è ripiegato su se stesso in modo che circa il 98 percento della neocorteccia sia nascosto all'interno delle pieghe. Proprio come un ventaglio giapponese quando piegato nasconde i suoi motivi floreali sotto la superficie, il nuovo cervello avvolto nasconde la maggior parte della sua materia grigia e materiale. Questo design, che ricorda molto una noce, è un modo efficiente per imballare più materiale in uno spazio più piccolo.

Il ripiegamento del cervello su se stesso è stato un adattamento che ha dato ai primi esseri umani vantaggi cruciali rispetto ad altre specie nel loro ambiente. Aumentando il potenziale per i primi esseri umani di crescere in intelligenza e capacità di apprendere - senza compromettere il corpo in altri modi - il ripiegamento del cervello ci ha dato un vantaggio evolutivo che ha migliorato le possibilità di sopravvivenza della nostra specie. Il ripiegamento del cervello e l'evoluzione del nuovo cervello hanno anche dato all'umanità un potenziale di crescita mentale che abbiamo a malapena sfruttato, anche oggi.

Gli esseri umani di oggi hanno ancora quasi la stessa massa cerebrale proporzionale che avevamo da 250,000 a 300,000 anni fa. Una volta diventati una nuova specie di umani con un nuovo cervello allargato, non ci siamo più limitati a percorrere la lunga e lineare strada evolutiva che il resto delle creature del pianeta doveva seguire. Chiaramente, tuttavia, la nostra specie nel suo insieme non sta utilizzando la piena capacità del nuovo cervello.

Forse non ci è stata raccontata l'intera storia della nostra evoluzione o semplicemente non l'abbiamo ancora scoperta, ma Madre Natura è stata così metodica con tutte le altre specie nella storia dell'evoluzione che non si può fare a meno di chiedersi. Cosa pensi abbia causato questo balzo in avanti nell'evoluzione? Potremmo dover usare quel 20% in più della nostra capacità cerebrale per capirlo.

 

Foto di LuciaJoy

Noi crediamo

possibilità

il potere di cambiare noi stessi

la capacità del corpo di guarire

il raro

celebrare la vita

miracoli

un amore superiore

futuro

atteggiamento

prova

altro

l'invisibile

saggezza

I nostri figli

sincronicità

libertà

i nostri anziani

mente sulla materia

Credi? Unisciti al movimento

* Completando questo modulo ti iscrivi per ricevere le nostre e-mail e puoi cancellarti in qualsiasi momento