traduzione mancante: en.general.general.skip_content

Il carrello

Chiudi Carrello

Non c'era niente di magico nel cerotto. O c'era?

Joe Dispenza / 11 dicembre 2014

There Was Nothing magical about the Band-Aid. Or Was There?

Sono sicuro che tutti noi ad un certo punto della nostra infanzia ci siamo tagliati e la prima cosa che abbiamo fatto è stata correre direttamente dalle nostre madri per chiedere aiuto. Potrebbe aver affrontato questo trauma apparentemente devastante in quel momento con tutta la sua attenzione, un piccolo esame dettagliato seguito da acqua e sapone, alcune parole calme e rassicuranti, un caldo abbraccio e poi un cerotto. In quel momento, molto probabilmente il dolore è andato via ... e ti sei "sentito" meglio.

Quello che hai vissuto è stata probabilmente la tua prima esperienza cosciente della risposta al placebo. Ecco perché.

Nel momento in cui hai correlato un cambiamento nel tuo mondo chimico interiore (ti sentivi meglio, il dolore è diminuito e non eri più spaventato o emotivamente turbato) con il tuo mondo esterno (il trauma, il taglio sulla superficie della tua pelle e il profondo rituale materno seguito dal tocco magico del cerotto), hai creato una memoria associativa e quindi una risposta condizionata. Uno degli elementi più importanti che creano la risposta al placebo è il condizionamento.

Sono i tuoi sensi che scrivono la storia nella tua mente. Ascoltare la voce di tua madre, sentire il suo tocco, annusare il suo profumo e vedere il suo viso calmo è stato uno stimolo sufficiente per accettare, credere e arrendersi all'idea che staresti bene. Questo processo ha indotto il tuo sistema nervoso autonomo a rilasciare alcune sostanze chimiche per aiutarti a sentirti meglio e il processo di guarigione è iniziato.

Tuttavia, il tuo corpo possiede già naturalmente la capacità innata di guarirsi da piccoli tagli e abrasioni. Ma nel momento in cui hai cominciato a sentirti meglio, hai guardato il cerotto che copriva la tua ferita, "pensando" che fosse il cerotto a creare la tua guarigione. Poiché il cerotto nascondeva la ferita, ha distolto maggiormente la tua attenzione dal taglio, il che ti ha aiutato a sentirti ancora meglio perché non hai più visto il sangue. Lontano dagli occhi, lontano dalla mente. Quindi hai raccontato il sollievo dal dolore e la paura di sanguinare alla morte con il tocco finale: il cerotto.

La tua reazione ha creato una risposta condizionata e nel tempo hai imparato che quando ti sei tagliato o hai avuto un piccolo infortunio che un cerotto era i soluzione. In effetti, ogni volta che hai un taglio, probabilmente hai "pensato" al cerotto come la risposta per guarirti. È altamente possibile che nel momento in cui ti è stato somministrato un cerotto il tuo corpo sia stato condizionato a produrre le stesse sostanze chimiche calmanti e curative dell'ultima volta che ha funzionato. Pertanto, tutte le risposte condizionate provengono da esperienze passate. Detto semplicemente, il condizionamento si basa sul passato.

La seconda componente che contribuisce alla risposta al placebo è l'aspettativa o l'anticipazione. Le aspettative funzionano in modo simile ma con una differenza fondamentale. Se il condizionamento si basa sul passato, le aspettative si basano sul futuro.

L'idea principale alla base dell'aspettativa è che lo stato mentale di una persona può avere un impatto sulla salute futura di una persona. Per illustrare questo punto diamo un'occhiata allo studio condotto dai ricercatori del Downstate Medical Center di Brooklyn, New York.

A un gruppo di venti persone affette da asma sono stati somministrati due farmaci. Il primo, l'isoproterenolo, quando inalato viene utilizzato per aprire i bronchi, creando così più ossigeno nei polmoni. Il secondo, carbachol, quando viene inalato fa l'opposto: restringe i bronchi e diminuisce il flusso di ossigeno nei polmoni. La parte interessante di questo esperimento è ciò che è accaduto quando ai soggetti è stato somministrato carbachol ma è stato detto che era isoproterenolo. Il costrittore bronchiale dovrebbe avere un flusso d'aria ridotto in "tutti" i soggetti perché è così che funziona biochimicamente il carbaco nel corpo umano.

Ma non è quello che è successo. Cinque dei soggetti hanno mostrato un flusso d'aria aumentato invece di un flusso d'aria ridotto. Come è successo? Il carbachol avrebbe dovuto rendere più difficile la respirazione, non più facile. Molto semplicemente, l'aspettativa di guarigione ha cambiato il risultato.

Pensa alle implicazioni di questo studio da un punto di vista biologico. Poiché i cinque soggetti si aspettavano che il farmaco dilatasse i loro bronchioli, il "pensiero" dell'inalatore che lavora per aumentare il flusso d'aria era maggiore degli effetti chimici del farmaco, che avrebbe dovuto costringere i polmoni. Ecco quanto può essere potente un pensiero quando ci aspettiamo un risultato specifico.

Una volta che il farmaco è stato somministrato e i soggetti hanno accettato, creduto e si sono arresi all'idea che fosse qualcos'altro, il cervello ha risposto rilasciando sostanze chimiche associate alla guarigione. I cinque soggetti hanno creato la loro farmacia di antistaminici e dilatatori bronchiali solo con il pensiero. In questo caso i loro pensieri erano più forti dei potenti effetti del farmaco.

Il placebo sotto forma di farmaco per l'asma rappresentava un possibile potenziale futuro. Quando certi soggetti sposavano il pensiero di stare meglio - si chiama intenzione chiara - con l'aspettativa di essere migliori, era come se il loro cervello e il loro corpo vivessero in quella realtà futura nel momento presente. Il corpo come mente inconscia non conosce la differenza tra l'esperienza reale nella nostra realtà esteriore e il modo in cui pensiamo e sentiamo nella realtà interiore. Il cervello e il corpo erano pronti a credere che i farmaci che stavano ricevendo sarebbero stati d'aiuto ... e così è stato!

È qui che ci imbattiamo nei guai. Quando condizionamento e aspettativa funzionano simultaneamente, allora cerchiamo sempre di prevedere il nostro futuro in base alle condizioni passate. Di conseguenza, il cervello e il corpo si trovano già nello stesso futuro basato sul passato e rimaniamo intrappolati in un ciclo continuo. Quando ciò accade, tutto rimane lo stesso, compresa la nostra biologia.

Dato quello che abbiamo appena appreso, è possibile che possiamo inconsciamente aspettarci che il dolore o la malattia siano presenti oggi perché erano lì ieri? Se è così, questo potrebbe significare che il "pensiero" di aspettarsi di essere malati è più grande del farmaco o del trattamento che stiamo usando nella misura in cui la nostra mente ignora i benefici di qualsiasi cambiamento biochimico nel nostro corpo?

Ma quando cambiamo il nostro stato d'essere, cioè il modo in cui pensiamo e ci sentiamo, per aspettarci l'inaspettato, l'ignoto o qualche nuovo risultato futuro, allora il nostro cervello e il nostro corpo possono cambiare magicamente, proprio come usare un cerotto. Provalo!

 

Foto per gentile concessione di Neal Fowler via Flickr

 

 

 

 

 

Noi crediamo

possibilità

il potere di cambiare noi stessi

la capacità del corpo di guarire

il raro

celebrare la vita

miracoli

un amore superiore

futuro

atteggiamento

prova

altro

l'invisibile

saggezza

I nostri figli

sincronicità

libertà

i nostri anziani

mente sulla materia

Credi? Unisciti al movimento

* Completando questo modulo ti iscrivi per ricevere le nostre e-mail e puoi cancellarti in qualsiasi momento