traduzione mancante: en.general.general.skip_content

Il carrello

Chiudi Carrello

Diventare affascinati dall'ignoto

Dr Joe Dispenza / 08 aprile 2022

Becoming Fascinated with the Unknown

Di recente, qualcuno mi ha chiesto del concetto che possiamo lasciar andare le storie che raccontiamo a noi stessi e, così facendo, creare un nuovo futuro. Aveva assistito a qualcuno che aveva una forte reazione fisica al suggerimento – il suo intero corpo era scoppiato in un'eruzione cutanea – e lei stessa aveva avuto tali reazioni.

Sembrava solo il pensiero di rinunciare a una narrazione passata aveva prodotto una forte reazione somatica, che si è verificata automaticamente in pochi secondi.

"Perché mette le persone così a disagio?" questa donna mi ha chiesto. "Perché sembra un'idea così radicale lasciare andare queste storie?"

Le storie che raccontiamo a noi stessi – sui nostri ricordi, il nostro passato e le nostre lotte; la nostra interazione con determinate persone, oggetti e cose ci sono familiari, quindi chiamiamoli conosciuti. Ci identifichiamo con loro; diventano ciò che pensiamo di essere e, in definitiva, la nostra personalità.

Questo perché rivivere il passato accende e collega gli stessi circuiti negli stessi modi – riproducendo la stessa mente – e trasforma i nostri corpi in una schiuma emotiva di sostanze chimiche. Biologicamente, oltre che inconsciamente, diventiamo il nostro passato. We CREDIAMO la vecchia storia e comportarsi come se fosse la nostra verità – fino a noi diventare esso.

Molti di noi rimangono coinvolti in queste narrazioni – le storie del passato – perché investire nel nostro futuro, invece, è così imprevedibile per il corpo. e il corpo non si fida dell'ignoto. Il corpo è a suo agio nelle vecchie storie e in tutte le emozioni che affermano l'identità che le accompagnano. Più che comodo; esso brama quelle emozioni.

In effetti, ogni volta che stiamo riciclando una delle nostre storie preferite – su noi stessi; su qualcun altro; sul modo in cui siamo cresciuti con i nostri genitori e fratelli; sulla nostra storia con malattie, traumi o sui modi in cui siamo stati offesi - cosa siamo veramente cercare di fare è alimentare le emozioni che associamo a quelle storie e ricordi.

E lo facciamo tutti; siamo umani. In questo momento, vedi se riesci a ricordare un'esperienza recente che ha suscitato forti sentimenti per te. Forse è stato un confronto con qualcuno al lavoro o un titolo inquietante di notizie. Probabilmente è facile pensare a qualcosa; incontriamo queste situazioni tutto il tempo.

Ma ora, prova a ricordarlo. Come hai gestito le emozioni che sono nate? Ti sei disconnesso, hai reagito in modo eccessivo e hai preso il telefono per distrarti da quei sentimenti? Recita le tue emozioni e scappa? Proietta inconsciamente energia agitata sul tuo coniuge dal tuo disaccordo con qualcun altro?

Potresti non essere nemmeno consapevole di come hai reagito in quei momenti. Ma il tuo stile di vita probabilmente avevi programmato per comportarti esattamente allo stesso modo l'hai fatto l'ultima volta che hai incontrato il stesse identiche emozioni. E più il corpo si abitua a quei sentimenti, più li brama.

In altre parole, finché la tua risposta alle stesse circostanze rimane la stessa, tu rimanere lo stesso. E così fa la tua salute. E la tua vita

Perché sembra radicale lasciare andare queste storie? Perché significa lasciare andare le nostre identità. Significa lasciar andare la dipendenza dalle emozioni alimentate da quelle storie; di esercitare un livello di coscienza che è maggiore della nostra programmazione inconscia. E ciò richiede consapevolezza ed energia costanti.

È importante notare tutti i modi in cui cerchiamo di sfuggire a questa sfida. Non usiamo le cose nel mondo 3-D semplicemente per distrarci; noi diventare fissata sul nostro ambiente esterno. Siamo condizionati ad aver bisogno di qualcosa o qualcun altro per far sparire quei sentimenti. Abbiamo l'abitudine inconscia di fare affidamento sul nostro mondo esterno per cambiare il nostro mondo interiore.

Ma cosa accadrebbe se potessimo prendere quella stessa capacità di concentrarci su qualcosa al di fuori di noi stessi – e girarla verso l'interno? E se potessimo rompere la nostra dipendenza da qualsiasi dramma, trauma o karma stia divorando la nostra energia e attenzione?

Con gli stessi mezzi, e se potessimo fissarci... su quello che sta succedendo interno noi?

E se potessimo imparare a sederci con noi stessi e la nostra energia, e diventarne non solo consapevoli, ma affascinato settembre con, La nostra interno mondo di pensieri e sentimenti?

Per sorprenderci a perdere i sensi, impara a spostare l'attenzione sul nostro mondo interiore e a gestire la nostra attenzione e la nostra energia è il lavoro. È così che ci districhiamo dal sé passato. E ci vuole sforzo, soprattutto all'inizio.

Questo, in sostanza, è ciò che la meditazione ci invita a fare: dissociarci da tutte quelle distrazioni, stabilizzare il nostro corpo emotivamente ed entrare dentro di noi. Per scoprire cosa c'è dall'altra parte dei nostri pensieri più comuni, delle abitudini programmate e delle emozioni familiari.

Quindi la prossima volta che sei seduto in meditazione, e il tuo corpo inizia a resistere – come farà – nota cosa succede. Stai pensando di prendere il tuo telefono? Stai ripetendo una discussione che hai avuto la sera prima? Stai combattendo la voglia di smettere?

Questo è quando dobbiamo dimostrare una volontà che è più grande dei nostri programmi inconsci. È il momento decisivo in cui dobbiamo ricondizionare il corpo a una nuova mente e riqualificarlo con amore, gratitudine e gentilezza.

Ecco un ottimo esercizio da praticare in quei momenti: Vedi se riesci a fissarti su quanto sia difficile resistere. Vedi se riesci a rimanere affascinato da non essere in grado di sedersi con te stesso. Chiediti: cosa c'è dall'altra parte di questo? E sfida te stesso per vedere se credi che valga la pena scoprirlo – per stare seduto con il disagio un po' più a lungo. Questa è la ricerca dell'ignoto.

Vedi se riesci ad affrontare l'idea che hai bisogno di qualcosa al di fuori di te stesso per far sparire quel disagio o se riesci a trovare le risorse interiori per darti ciò di cui hai bisogno in quel momento.

Ponetevi questa semplice domanda: preferirei provare rabbia o gioia? Se la risposta è gioia, dovrai cambiare il tuo stato emotivo. Nessun'altro può farlo per te.

Potresti essere in grado di temporaneamente cambia le tue emozioni facendo affidamento su qualcuno o qualcos'altro. Ma se non modifichi la tua risposta la prossima volta che provi un'emozione disturbante, il tuo cervello ricorderà cosa ha fatto svanire la sensazione l'ultima volta e ti convincerà che hai bisogno dello stesso stimolo per far sparire la sensazione.

Se riesci a non cedere alla seduzione del tuo ambiente esterno – o alla resistenza del tuo corpo all'ignoto – e semplicemente arrivare in un luogo di data la nostra neutralità, stai ottenendo qualcosa di veramente significativo. Stai entrando nell'ignoto. Stai dimostrando potere sui tuoi pensieri, abitudini ed emozioni del passato. Ora ti stai impegnando a cambiare.

E poi, immagina cosa verrà dopo. Immagina, attraverso la tua pratica, di scoprire che puoi provare amore e gioia trascendenti, perché hai liberato il corpo dalle catene del passato e hai scelto di provare qualcos'altro. Immagina di imparare che puoi portare la tua attenzione dentro di te, non trovare nulla di più significativo del tuo cuore pulsante e provare vera gratitudine e amore. Immagina di realizzare che puoi lasciar andare un'idea che avevi su te stesso o su un'altra persona e improvvisamente essere libero.

Quando lasciamo che il nostro corpo ci tenga nel passato familiare, lasciamo che il nostro corpo ci protegga dalla libertà dell'ignoto.

Il corpo lotta per rimanere nel conosciuto, anche se ciò significa vivere con le stesse storie di dolore e traumi che ci hanno limitato per tutta la vita. Ma questo ci tiene lontani dal mistico. Ci tiene lontani dal magico. Ci impedisce di farlo Guarigione. E ci impedisce di scoprire le infinite potenzialità dei nuovi futuri che potremmo creare.

Quando finirà quella vecchia storia? Perché non dire a nuovi storia del tuo futuro – e credi, comportati bene e diventa che, Invece?

 

Noi crediamo

possibilità

il potere di cambiare noi stessi

la capacità del corpo di guarire

il raro

celebrare la vita

miracoli

un amore superiore

futuro

atteggiamento

prova

altro

l'invisibile

saggezza

I nostri figli

sincronicità

libertà

i nostri anziani

mente sulla materia

Credi? Unisciti al movimento

* Completando questo modulo ti iscrivi per ricevere le nostre e-mail e puoi cancellarti in qualsiasi momento