traduzione mancante: en.general.general.skip_content

Il carrello

Chiudi Carrello

Diventare degni, parte I – Un invito

Dr Joe Dispenza / 22 aprile 2022

Becoming Worthy, Part I – An Invitation

Ad un certo punto del loro viaggio con questo lavoro, tutti incontreranno l'idea di "diventare degni". Forse è mentre pratichi una delle nostre Meditazioni Camminate. O potrebbe essere durante un evento dal vivo. O a casa nella loro pratica personale.

Senza contesto, può essere facile fare ipotesi su cosa intendiamo quando usiamo parole potenzialmente cariche come "degno". Troppo spesso, il nostro concetto di dignità può essere ripiegato in le storie che raccontiamo su noi stessi e sugli altri – e diventare solo un altro modo per mantenere in vita un vecchio sé.

Il linguaggio è spesso impreciso e frainteso. E così, a volte il modo migliore per capire il significato che sta dietro a un concetto complesso è parlare prima di cosa si tratta non significare.


Che dignità non è

La dignità non è colpa. Le persone spesso distorcono l'idea di valore e la vedono in termini di persone che "ottengono ciò che meritano".

Ma la dignità non è qualcosa che usiamo in senso punitivo. Se qualcuno viene a questo lavoro a causa di una malattia grave, di una relazione dolorosa o di difficoltà finanziarie, il concetto di "valore" non è correlato all'idea che sono - o qualcun altro è - in qualche modo a guasto per la situazione in cui si trovano. Tutto ciò che fa, infatti, è rafforzare un modo di guardare a noi stessi che non è amorevole o compassionevole – in altre parole, il vero di fronte di vederci degni.

La dignità non riguarda il diritto. In una cultura fissata sulle affermazioni e sulla gratificazione immediata, le persone spesso confondono uno stato di disponibilità a ricevere con il senso di qualcosa che gli è dovuto; qualcosa avrebbero dovuto venire perché lo “meritano” o lo vogliono abbastanza. Sembra una sottile distinzione, ma in realtà è uno dei principali fattori di differenziazione di questo lavoro. Quando vuoi qualcosa, e spingi e ti sforzi per ottenerlo, questa è una funzione del tentativo di creare nel mondo 3-D della materia per la materia. Rendi conto del tuo desiderio - senza troppi sforzi o tempo davvero investito in esso - e poi ti aspetti un risultato.

In questo stato, sentirai spesso persone dire cose come: "Perché non sono ancora guarito?" "Perché non ho trovato il mio partner ideale?" "Perché non ho il lavoro dei miei sogni?" "Perché ci vuole così tanto tempo?"

Come mai? Perché non sono cambiati. Non si sono alzati dalle loro meditazioni ogni giorno come persone diverse. La persona che fa quelle domande è la stessa personalità – lo stesso vecchio sé – che chiede in separazione dall'essere la persona che viene guarita in uno stato di gratitudine; nella separazione dall'essere il partner ideale innamorandosi ogni giorno di se stessi; in separazione dal vivere nell'eccitazione di una nuova carriera.

La stessa vecchia personalità è non la persona che chiede: “Cosa devo ancora cambiare di me stesso che mi avvicinerà a quel particolare futuro? Come posso diventare più di quella persona nei pensieri, nelle azioni e nelle emozioni?"

Quello che stanno veramente dicendo è: “Vedo la cosa che voglio come in qualche modo separata da chi sono. Sto cercando così difficile. Perché non è ancora qui?" Questa prospettiva rafforza un senso di separazione e mancanza – di essere separati dal futuro che stanno cercando di creare; di vedere le cose che desiderano come fuori portata. E la separazione e la distanza sono le di fronte di ciò che intendiamo quando parliamo di dignità, che è tutta una questione di unità e connessione.

La dignità non riguarda l'importanza personale e l'esclusività. Nessuno in questo lavoro – o in questo mondo – è migliore di chiunque altro. Indipendentemente dal sesso, dalla posizione, dalla razza, dal sistema di credenze o da qualche altro indicatore di stato percepito... la dignità non si basa su una meritocrazia o un sistema di ricompensa.

Più qualcuno sta proclamando il proprio status di favorito – come mezzo per chiedere un risultato atteso – più è sotto l'influenza del suo mondo esterno (e, di solito, di una tremenda insicurezza). Anche questa è una forma di separazione – e l'opposto dell'umiltà, che è dove vive la dignità.


Che aspetto ha il sentirsi indegni nella tua pratica?

Ora che abbiamo esplorato parte di ciò che abbiamo non intendiamo dire quando parliamo di dignità, esaminiamo come gli esempi di cui sopra prendono forma nella nostra vita.

Innanzitutto, l'indegnità si presenterà come resistenza. Quella sensazione quando non vuoi alzarti presto per allenarti? Questa è indegnità. La voce fastidiosa nella tua testa durante la meditazione che dice: “Non lo sto facendo bene. Questo è troppo difficile. Mi facevano male le ginocchia per tutta questa seduta. Non importa se salto il respiro. Ho troppe cose da fare oggi”. – questa è resistenza.

E non accadrà solo in termini di esperienza con questo lavoro. Quando dici a te stesso che va bene saltare l'appuntamento in palestra anche se il tuo compagno di allenamento ti sta aspettando... o non importa se scorri i feed dei social media per ore invece di intrattenere conversazioni significative con il tuo coniuge o i tuoi figli... o se rimandi la promessa che ti sei fatto di cambiare una cattiva abitudine... questa è resistenza. Questo è ciò che alimenta l'indegnità.

L'indegnità si manifesta come paura dell'ignoto. Mancanza di disciplina. Fermarsi quando diventa scomodo. Non spingerti oltre il familiare. Chiedere perché non è ancora successo. Ripetendo compulsivamente gli stessi pensieri, comportamenti e sentimenti e ottenendo gli stessi risultati e frustrazioni che sono diventati confortevoli. Rafforzare – e ricreare – ciò che è noto, anche quando è già dimostrato che è ciò che non vuoi.

L'indegnità, in definitiva, porta a creare lo stesso futuro, basato sul passato conosciuto.


Che valore è: un invito

Prima di poter iniziare a costruire un nuovo futuro, dobbiamo essere in pace con il presente. E questo significa lasciar andare il passato e tutti i pensieri, i comportamenti e i sentimenti inconsci che ne derivano. Significa porre tutta la tua attenzione ed energia nell'entrare nell'ignoto del generoso momento presente – con disponibilità, curiosità e gratitudine per ciò che già è. È quando abbiamo un desiderio intransigente di andare oltre il vecchio sé nella separazione e diventare il nuovo sé, connesso a una nuova realtà personale.

Quando parliamo di dignità, quindi, stiamo parlando di incontrare te stesso con amore e compassione in questo momento. Di accettare e permettere ciò che è – con gratitudine e umiltà. Di vedendoti degno del nuovo futuro che stai creando – perché hai superato il vecchio sé. La dignità consiste nell'estendersi oltre il conosciuto verso l'ignoto... e nell'essere soddisfatti dei propri sforzi.

Si tratta di superare le resistenze e mostrarsi costantemente per se stessi, in questo lavoro, ogni giorno. Ed è di questo che parleremo in Becoming Worthy, Parte II.

Noi crediamo

possibilità

il potere di cambiare noi stessi

la capacità del corpo di guarire

il raro

celebrare la vita

miracoli

un amore superiore

futuro

atteggiamento

prova

altro

l'invisibile

saggezza

I nostri figli

sincronicità

libertà

i nostri anziani

mente sulla materia

Credi? Unisciti al movimento

* Completando questo modulo ti iscrivi per ricevere le nostre e-mail e puoi cancellarti in qualsiasi momento