traduzione mancante: en.general.general.skip_content

Il carrello

Chiudi Carrello

Diventare degni, parte II – Mostrarsi da soli

Dr Joe Dispenza / 05 maggio 2022

Becoming Worthy, Part II – Showing Up for Yourself

Un paio di settimane fa, abbiamo iniziato a esaminare cosa intendiamo quando parliamo di "diventare degni".

Come ho accennato in precedenza, la nostra comprensione di una parola o un'idea complessa è talvolta aiutata esaminando prima cosa non significa. Quindi, se non hai letto la parte I di questa serie, puoi trovarla per saperne di più, clicca qui.

Per creare un contesto per ciò di cui vogliamo parlare questa settimana, riassumiamo brevemente la nostra comprensione di cosa non è il valore e come è probabile che l'indegnità si manifesti nella nostra pratica:

  • La dignità non è colpa.
  • La dignità non riguarda il diritto.
  • La dignità non riguarda l'importanza personale e l'esclusività.
  • L'indegnità si presenta come resistenza e mancanza di disciplina per andare oltre il sé familiare: i pensieri, i comportamenti e le emozioni collegati alla stessa personalità.
  • L'indegnità è paura dell'ignoto.
  • L'indegnità, in definitiva, porta a creare lo stesso futuro, basato sul passato familiare.

Prima di continuare a leggere, è importante prendersi del tempo per pensare a ciascuno di questi punti. Riesci a vedere le prove di questo nella tua stessa vita? Ci sono modi in cui l'indegnità si è manifestata nella tua pratica di cui non eri a conoscenza prima?

E ora chiediti: come potremmo contrastare ciascuno di questi punti? Se puoi rispondere a questa domanda, sei sulla buona strada per capire cosa significa diventare degno.


Che cos'è la dignità

La dignità riguarda la responsabilità.

Se possiamo affermare con sicurezza che il concetto di dignità non riguarda la colpa - o una visione punitiva di qualcuno che "prende ciò che sta per loro" - allora ha senso che di fronte di colpa è la responsabilità.

Cosa significa questo? Significa assumersi la responsabilità della realtà personale che abbiamo creato attraverso la nostra personalità.

Prima di poter identificare aree della nostra vita, vogliamo cambiare; prima di poter identificare i pensieri, i comportamenti e i sentimenti che vogliamo cambiare; prima di poter identificare parti della nostra personalità che vogliamo cambiare... dobbiamo prima farlo riconoscere e possedere quegli aspetti di noi stessi – e le nostre vite.

Questo significa che smettiamo di incolpare qualcuno o qualcosa al di fuori di noi stessi per la situazione in cui ci troviamo. Ci fermiamo dando via il nostro potere ad altre persone, oggetti e cose; i nostri geni; la nostra storia – o qualsiasi altra cosa che usiamo come ragioni per giustificare il rimanere nel nostro passato noto e familiare.

Credere di creare la nostra realtà significa riconoscere che nulla può cambiare nelle nostre vite fino a quando we modificare. Essere responsabili significa essere disposti a esaminare ciò che dobbiamo cambiare di noi stessi per avvicinarci al nuovo futuro – la nuova realtà personale – che immaginiamo.

E poi, una volta che ci siamo impegnati a cambiare, la responsabilità significa che onoriamo quell'impegno.

La dignità riguarda l'unità e la connessione.

Come ho scritto un paio di settimane fa, non sentirai mai una persona degna fare queste domande: "Perché non sono ancora guarito?" "Dov'è il lavoro dei miei sogni?" "Perché non ho trovato il mio partner ideale?"

Perchè no? Perché queste domande si basano sulla separazione e sulla mancanza. E qualcuno che si sente degno di ricevere è in uno stato di connessione, unità e grazia. Non gli verrebbe mai in mente di porre quelle domande, perché lo sono già sperimentando come ci si sente essere in quel nuovo futuro.

Una persona che pratica in uno stato di dignità sa che per guarire, deve prima di tutto guarire. Per trovare l'amore, devono prima diventare amore. E per manifestare abbondanza in qualsiasi forma, devono prima diventare grati per ciò che già hanno.

Se l'indegnità riguarda uno stato di diritto e separazione – sforzarsi e spingere per creare materia per materia nel mondo 3-D; aspettarsi risultati con il minimo sforzo – allora il suo opposto è la connessione basata sull'umiltà e la gratitudine. E questo porta naturalmente al punto successivo...

La dignità riguarda la resa.

Il modo migliore per illustrare questo è condividere le intuizioni di persone che hanno raggiunto questo stato nella loro pratica. Ecco cosa dicono:

“Ho appena deciso di avere una storia d'amore con me stesso. In quel momento ho capito che sarebbe andata bene, qualunque cosa fosse successo. Alla fine ho creduto che il futuro fosse reale. Quando vivevo con le stesse emozioni familiari, non potevo credere o vedere quella realtà, perché vivevo emotivamente nel mio passato".

“Stavo cercando di arrivarci fisicamente e mi sentivo frustrato perché non ero dove pensavo dovrebbero essere. Alla fine ho smesso di vivere in quello stato. E una volta ho partecipato a un Coherence Healing™ – ed ero lì solo per aiutare qualcun altro, senza alcuna aspettativa di guadagno per me – è allora che è successo per me.

“Attraverso le meditazioni, sono andato oltre me stesso ogni giorno e ho aperto il mio cuore, non importa quanto fosse difficile. Non importa se non me la sentivo di farlo. Sono diventato più gentile e più amorevole. Pieno di gratitudine. I trigger non sono mai andati via; le persone di cattivo umore e di cattivo umore non sono mai andate via. Ma il modo in cui ho scelto di rispondere a loro, invece di reagire a loro, è stato molto diverso".

“Ho raggiunto un punto in cui mi sono sentito così grato per la vita e per quello che sono diventato, che non mi importava di avere la mia malattia. E questo è il momento in cui è letteralmente cambiato. Immagino di aver smesso di provarci così tanto e di non essermi più identificato con la mia condizione".

Se osservi attentamente ciascuno di questi riflessi, vedrai uno schema. In tutti i casi, la loro attenzione si è spostata dal mondo esterno alla loro esperienza interiore. Si sono distaccati dal risultato che pensavano di dover essere felici e grati e hanno scoperto, quando sono entrati dentro, che già lo erano sono stati felice e grato - senza bisogno di nessuno o qualcosa per arrivarci. Sapevano che sarebbero andati bene, "qualunque cosa fosse successo". Essi “divennero più gentili e più amorevoli; pieno di gratitudine”.

In altre parole, si sono staccati dal risultato. Si sono arresi. Si fidavano.

E poi cosa?

"È allora che è successo per me." “Sono andato oltre me stesso”. "È cambiato."

Quando hanno lasciato andare le aspettative - quando hanno smesso di cercare di prevedere quando e come sarebbe successo e si sono arresi veramente - quei risultati nel mondo esterno sono diventati, in un certo senso, un "effetto collaterale" della loro pratica. Ad un certo punto, hanno superato il loro ambiente e l'abitudine e le emozioni del corpo: hanno vinto si – e lascia andare i risultati.

Quando riusciamo a raggiungere questo obiettivo, non si tratta più del risultato. Si tratta di essere così soddisfatti del nostro sforzo, così rilassati e consapevoli nel generoso momento presente, che non vogliamo più nulla. Questo è l'ultimo stato di dignità.

Che aspetto ha il sentirsi degni nella tua pratica?

Se l'indegnità si presenta principalmente come resistenza, quella voce critica nelle nostre teste; tutte le nostre ragioni per iniziare "domani"; rinunciare quando diventa scomodo; rimanendo nel confortevole mondo del familiare – allora possiamo incontrare quella resistenza solo attraverso la disciplina, l'amore, l'autocompassione e l'abbraccio dell'ignoto.

La dignità significa essere consapevoli della spinta del nostro corpo a rimanere nel familiare – e sapere che dovremo sistemarlo, ancora e ancora. Significa stare seduti con il disagio dell'ignoto abbastanza a lungo per vedere cosa c'è dall'altra parte di quella sensazione e per connettersi con il campo delle infinite possibilità – l'unico luogo da cui possiamo creare. E infine, in quello stato, l'ignoto non fa più paura. L'ignoto diventa l'avventura.

Quando siamo in uno stato di dignità, ci mostriamo da soli ogni giorno. Anche quando siamo stanchi. Anche quando il tempo è brutto. Anche quando la nostra artrite si sta comportando male e non ne abbiamo voglia. Anche quando abbiamo dubbi. Anche quando abbiamo paura. Anche quando pensiamo di non avere abbastanza tempo. Anche quando ce lo dice il critico nella nostra testa dovrebbe essere successo ormai.

Se riusciamo a superare tutta quella resistenza... se riusciamo a superarla noi stessi, e incontrarci nella pratica, giorno dopo giorno, sperimenteremo gli stessi turni e cambiamenti sopra descritti. Sapremo di essere in uno stato di dignità solo presentandosi.

Un concetto fondamentale in questo lavoro è: l'universo ci dà solo ciò che pensiamo di essere degni di ricevere.

Quando ci presentiamo costantemente per noi stessi, facciamo sapere all'universo: sono qui. sono degno. Sono pronto a ricevere. In quell'unico semplice atto, ci assumiamo la responsabilità di creare la nostra realtà personale. Significa che crediamo nella possibilità. E credere nella possibilità è crederci noi stessi. Ci esercitiamo costantemente a cambiare il nostro stato d'essere – e questo richiede energia e consapevolezza. Non si tratta più del risultato; diventa lo sforzo.

Ora che abbiamo esaminato la dignità in teoria e in pratica, è tempo di fare un passo – un passo letterale – oltre. Dobbiamo diventare così bravi con gli occhi chiusi da poterlo fare con gli occhi aperti. Abbiamo bisogno di camminare e vivere come persone degne e pronte a ricevere.

Parleremo di più della pratica con gli occhi aperti quando parleremo del vero significato delle Meditazioni ambulanti Parte III.

Noi crediamo

possibilità

il potere di cambiare noi stessi

la capacità del corpo di guarire

il raro

celebrare la vita

miracoli

un amore superiore

futuro

atteggiamento

prova

altro

l'invisibile

saggezza

I nostri figli

sincronicità

libertà

i nostri anziani

mente sulla materia

Credi? Unisciti al movimento

* Completando questo modulo ti iscrivi per ricevere le nostre e-mail e puoi cancellarti in qualsiasi momento