traduzione mancante: en.general.general.skip_content

Il carrello

Chiudi Carrello

Credere, Comportarsi, Diventare

Dr Joe Dispenza / 11 febbraio 2022

Believing, Behaving, Becoming

Spesso le persone nuove a questo lavoro mi chiedono: “Perché non sono guarito? Perché non ho avuto quell'esperienza mistica? Perché il lavoro dei miei sogni non si è manifestato? Come mai non sono ancora innamorato?"

"Non sta succedendo niente!" Loro mi dicono. "Sto facendo le meditazioni, mi sto esercitando ogni giorno, ma non funziona."

E io chiedo loro: "Come fai a saperlo? Come puoi essere sicuro che non stia succedendo niente?

Come tutti noi, a volte cercano prove, prove che la loro pratica stia funzionando immediato prova. Ma l'errore che molti di noi fanno è di cercare prove fuori di noi stessi. Scivoliamo in un modo di essere inconscio, abituale, condizionato. Dimentichiamo: se vogliamo attingere a noi un'esperienza, non possiamo Dai un'occhiata per questo. Dobbiamo diventare esso. In effetti, cercarlo significa che ci sentiamo separato da esso – invece di collegato ad esso.

E questo vale per qualunque cosa tu stia cercando di creare. Se vuoi vivere un'esperienza mistica, devi diventa il mistico. Se vuoi una relazione d'amore nella tua vita, devi diventa l'amore della tua vita. Se vuoi guarire, devi sentire la gratitudine di essere guarito. Devi guarire.

E per vivere davvero quell'esperienza, devi portare quei sentimenti (e i pensieri che li supportano) con te nella tua vita di tutti i giorni.

Quando ti alzi dalla meditazione ogni mattina, sii la nuova persona nella tua nuova vita – e incarnare quella sensazione. Quando cammini dalla porta di casa alla tua macchina, cammina come il mistico. Quando sei seduto alla tua scrivania, prendine coscienza tu sei il guaritore. Quando fai la spesa - sii amato.

Per portare qualsiasi nuova esperienza nelle nostre vite, dobbiamo praticare l'essere in quella nuova energia; quella nuova mentalità – tutto il tempo. Chiedersi perché non è ancora successo è la vecchia mentalità.

Quando sei nuovo in questo lavoro, non è dissimile dall'essere un adolescente. Gli adolescenti spingono costantemente contro i confini; alla ricerca di un nuovo territorio. Vogliono una macchina. Vogliono un coprifuoco successivo. Vogliono trovare il proprio stile spigoloso e la propria individualità. Vogliono sperimentare e vivere avventure.

Ma quelli sono solo i esterno indicatori di ciò che stanno cercando. Il sensazione vogliono – il esperienza interiore – è libertà.

E quando non arriva subito a loro richiesta, può essere scoraggiante. In quella fase giovane, è facile abbandonare gli schemi inconsci di cercare di soddisfare i propri bisogni forzando il risultato, invece di rendersi conto che devono praticare consapevolmente nuovi comportamenti e atteggiamenti – e gestire le loro risposte emotive – per cambiare le loro vite. Loro devono diventare degno di libertà.

Hanno bisogno di dimostrare le azioni e la pratica di qualcuno che si sente la responsabilità di essere libero - e ha guadagnato la libertà che vogliono vivere.

E in quei momenti di frustrazione, quando è più difficile e più scomodo, è quando conta di più restare con essa. Andare avanti.


Entrare in un nuovo terreno

Quando stai facendo il lavoro e sembra che non stia succedendo nulla, come puoi esserne sicuro? Come fai a sapere che non funziona? Come sapere non stai cambiando?

Nella nostra ricerca, vediamo continuamente prove di questi cambiamenti. Anche con meditatori principianti; "adolescenti", se vuoi - i nostri dati mostrano che sta succedendo loro qualcosa di profondo. Ed ecco il punto: le prove non lo sono al di fuori loro. Sta succedendo nei loro cervelli. Nei loro cuori. Nella loro esperienza vissuta interiore – prima nel corpo – la loro biologia.

Ad esempio, quando i meditatori principianti (gli "adolescenti" che cercano solo risultati e cercano di forzare i risultati) si impegnano completamente in un ritiro avanzato di una settimana, la nostra ricerca mostra che ci sono cambiamenti biologici significativi nei loro corpi - prima di tutto – per suggerire ai loro corpi di credere letteralmente di trovarsi in un ambiente, una realtà, una vita o un futuro completamente diversi. Sulla base delle nostre misurazioni, alcune persone migliorano la variabilità della frequenza cardiaca di oltre 200 per cento in una settimana – e metà di loro non pensavano di farlo "bene".

In questa fase, potrebbero non vedere le prove nella loro vita esterna, ma posso dirti – con più certezza che mai – se praticano il lavoro ogni giorno, le cellule dei loro corpi producono migliaia di metaboliti per sembrare come se fossero già sperimentando a nuova realtà personale.

Abbiamo visto questi cambiamenti ripetutamente. Abbiamo i dati di oltre 10 anni di ricerca – dati che riflettono enormi livelli di cambiamento: nel cervello; nel cuore; nell'espressione genica; nel metabolismo cellulare; nella regolazione immunitaria, anche nell'estensione della vita.

E alcune di queste persone che escono dalla meditazione pensano di farlo sbagliato. Sono ingannati dai loro sensi che non è successo immediatamente, quindi pensano che non stia succedendo nulla. La prospettiva più ampia è che stanno diventando... e sta succedendo.

Giudicare il lavoro, in questo modo, polarizza sempre e solo il risultato. Qualcuno sta andando avanti nella sua pratica, proprio dove dovrebbe essere, ma nel momento in cui inizia ad analizzare, confrontare o criticare ciò che non va in lui, la sua convinzione di non fare qualcosa di giusto inibisce solo il suo progresso e la sua crescita.

Analizzare i nostri progressi non fa che rafforzare il nostro senso di separazione, che porta a impegnarci di più, perché lo siamo cerca per qualcosa invece di essere esso. Se possiamo, invece, cambiare la nostra prospettiva e diventare consapevoli dei nostri pensieri e sentimenti - e di come stanno creando la nostra realtà - quello è il momento in cui possiamo prendere la decisione cruciale di cambiare qualcosa su noi stessi … e questo è il lavoro.

Quei momenti di consapevolezza sono quando smettiamo di dimenticare ripetutamente e iniziamo a ricordare costantemente. Ed è così che iniziamo diventando. È quando possiamo entrare in nuove entusiasmanti fasi di esperienza. Si sta perdendo così tanto nell'atto del divenire che l'atto stesso diventa l'esperienza

È allora che finalmente oltrepassiamo quel confine del conosciuto e ci troviamo in un nuovo terreno. Quando lasciamo andare il "perché" e il "quando" - e troviamo il nostro modo di fidarci e arrenderci.

Quindi diciamo solo il "perché" e il "quando" non sono davvero affari tuoi. L'unico modo in cui il cambiamento può arrivare è smettere di cercare di prevederlo, altrimenti è noto. Il cambiamento può manifestarsi solo quando meno ce lo aspettiamo. Che è la sorpresa dell'ignoto.

Ed è allora che cambiano anche le conversazioni sul lavoro. All'improvviso, le persone smettono di chiedermi: "Quando accadrà?" – e invece inizia a dire: "Non crederai mai a quello che mi è successo".

Sono tre semplici passaggi:

Prima tu CREDIAMO è possibile.

Secondo: tu comportarsi come se fosse una realtà.

Terzo: tu diventare esso.

E quando la vita inizia a mandarti il ​​feedback – sotto forma di sincronicità e opportunità – questo è l'evidenza del nuovo futuro che stai creando.

Noi crediamo

possibilità

il potere di cambiare noi stessi

la capacità del corpo di guarire

il raro

celebrare la vita

miracoli

un amore superiore

futuro

atteggiamento

prova

altro

l'invisibile

saggezza

I nostri figli

sincronicità

libertà

i nostri anziani

mente sulla materia

Credi? Unisciti al movimento

* Completando questo modulo ti iscrivi per ricevere le nostre e-mail e puoi cancellarti in qualsiasi momento