traduzione mancante: en.general.general.skip_content

Il carrello

Chiudi Carrello

Esaminare, Sperimentare, Evolvere

Dr Joe Dispenza / 25 febbraio 2022

Examining, Experimenting, Evolving

Un paio di settimane fa, Ho condiviso alcuni dei modi in cui gli studenti mi hanno avvicinato a questo lavoro e la loro esperienza con esso. Come giudicano la loro pratica e come si mettono a modo loro – da volendo qualcosa di esterno e separato, invece di la creazione di l'esperienza internamente da diventando esso.

C'è un altro aspetto di questa conversazione, però; una distinzione importante. E questa è la linea sottile tra giudicare la tua pratica – e l'esame di la tua pratica

Ecco alcuni altri modi in cui gli studenti a volte si avvicinano a me riguardo al lavoro:

"Dottoressa Joe, devo respirare?"

"Posso saltare la parte sull'apertura della mia consapevolezza e sul non concentrarmi su nulla - e passare semplicemente alla parte successiva della meditazione?"

“Posso fare le meditazioni sdraiato? È scomodo stare seduti tutto il tempo.

“Devo meditare ogni giorno?”

Riesci a vedere la differenza tra qualcuno che si fa vivo, sul serio, giorno dopo giorno, e lotta con la propria impazienza con se stesso... rispetto a qualcuno che non è essere onesti con se stessi sull'integrità della loro pratica?

Incoraggio sempre i miei studenti a essere gentili con se stessi in questo lavoro; per capirlo ci vuole tempo, pazienza e pratica per padroneggiarlo. Ma chiarisco anche: la padronanza è ciò per cui stiamo lavorando. E ogni volta che vuoi imparare - o migliorare, o padroneggiare - nulla su cui stai lavorando, è necessaria una certa quantità di sano autoesame e autovalutazione. Questo è l'unico modo per migliorare e approfondire la tua esperienza.

Diciamo che vuoi imparare a giocare a golf. Quando impari qualcosa di nuovo, il primo passo è coinvolgere la tua mente. Studiate più che potete - prima inizi a giocare. Più impari a giocare a golf, maggiori sono le possibilità che hai di dare il meglio di te.

Poi arriva la tecnica. Devi immergerti nella conoscenza che cosa dovresti fare e Perché dovresti farlo, così puoi allineare le tue azioni con i tuoi pensieri quando inizi a giocare. Infine, coinvolgere il tuo corpo ti porta all'esperienza di giocare davvero.

Diciamo che sei andato al campo pratica alcune volte alla settimana per colpire un secchio di palline e lavorare sul tuo swing. Ma dopo settimane di questo, non stai ancora colpendo la palla esattamente. Stai oscillando allo stesso modo, e sta navigando troppo a sinistra oa destra più di quanto tu stia creando un buon contatto. Il tuo esperienza di giocare a golf non è quello che fai tu pensiero.

Ed ecco la differenza tra autogiudizio e autoindagine. La domanda da porsi in questo momento non è: "Cosa sto facendo di sbagliato?" È: "Cosa sono io non facendo questo dovrei fare?” O meglio ancora, "Dove posso migliorare?" Devi tornare alle conoscenze e alle informazioni che hai appreso inizialmente. E poi, fai quello che fanno tutti i grandi golfisti: rivedi e rifletti su te stesso per vedere se stai applicando ciò che hai imparato.

Se è il tuo swing da golf, potresti notare: Continuo ad aprire i fianchi troppo presto. Oppure: O si. Continuo a dimenticarmi di raddrizzare il braccio. Oppure: Ho questo club in una morsa mortale. Devo sciogliermi.

Ti rendi conto: io sapere i fondamenti; Semplicemente non lo sono fare loro. Sono diventato privo di sensi e mi sono permesso di dimenticarli. Quindi ora, fammi ricordare. Fammi diventare più consapevole e aggiungo a ciò che sto facendo per migliorare le mie prestazioni.

Quando si tratta della tua pratica in questo lavoro, potresti chiederti: “Sono presente – veramente presente? O sono seduto qui, ad occhi chiusi, a pensare a quell'incontro di lavoro oa cosa mangerò per cena? O forse: “Mi sto riprendendo quando inizio ad addentrarmi nei ricordi del passato? O predizioni di un futuro noto?" Oppure: “Mi presento alla meditazione con entusiasmo e intenzione? O sto solo registrando regolarmente, quindi posso dire di aver meditato oggi, ma in realtà sto solo aspettando che finisca, così posso prendere la mia prima tazza di caffè?

Chiediti: “Ho dimenticato Perché Sto facendo certe cose? Posso vedere come li sto facendo senza la giusta comprensione?”

Pensa a questo esame come a una verifica della realtà; una sana autoriflessione. Non come un modo per essere duro con te stesso – che di solito è accompagnato da emozioni come frustrazione o scoraggiamento – ma un modo per essere onesto con te stesso... così puoi essere sincero in questo lavoro.

Quando parliamo di te come scienziato e della tua vita come esperimento, questo autoesame deve far parte di quel processo di autoscoperta.

Come parte del tuo esperimento, rivisita vari aspetti della tua pratica. Ripassa ciò che avevi appreso in precedenza rileggendo un capitolo di un libro o guardando di nuovo un corso online. Valuta i fondamenti del lavoro e la tua comprensione di essi. Capisci il respiro? Lo scomponi e lo pratichi, passo dopo passo? Ti impegni a renderlo parte di tutte le meditazioni in cui è incluso e non prendi scorciatoie saltandolo?

Ti alzi dalle tue meditazioni sentendoti diverso da quando ti sei seduto? Se no, puoi capire perché?

E la forma e la struttura? Segui le istruzioni di ogni meditazione: seduto, in piedi, camminando o sdraiato? Pratichi la messa a fuoco convergente e divergente o salti le parti che sono impegnative o confuse? Lavori per articolare intenzioni chiare e sostenere emozioni elevate - e ti eserciti a mantenere quello stato dell'essere? O ricadi subito in comportamenti inconsci e automatici - il tuo vecchio io - il resto della giornata?

Infine, pensa al tuo intento. Vieni alla tua meditazione con un senso di significato e scopo? O lo fai solo per farlo? Lo vedi come qualcosa da spuntare dalla lista, o ci arrivi ogni giorno con un senso del che e come mai?

Perchè importa? Se non puoi assegnare un significato a questo lavoro, non attiverai la tua corteccia prefrontale – e che è il punto di svolta. Quello è dove guadagni valore e dai significato all'importanza delle tue azioni. Questo è dove raccogli i benefici – di agire con consapevolezza. Questo è il nome del gioco. Questo è ciò che fa il lobo frontale. È la sede dell'intenzione.

Quindi, se rendi la tua meditazione solo un'altra routine, e la stai facendo solo per farlo, senza alcun senso... se stai semplicemente seduto lì a pensare a tutte le cose che devi fare, allora forse non l'hai fatto vuoi davvero andare oltre i pensieri e i sentimenti familiari del tuo vecchio sé. In tal caso, potresti anche aprire gli occhi, alzarti e andare avanti con la tua giornata. E puoi aspettarti una giornata con pochissime sorprese in serbo, perché non eri presente. Ed essere presenti è essere nell'ignoto. Ed è da lì che creiamo.

Mentre esamini la tua pratica e sperimenti ulteriormente, puoi cambiare la conversazione. Invece di dire: "Non sta succedendo per me", chiediti: "Perché non sta succedendo per me?" Invece di dire: "Cosa sto facendo di sbagliato?" Chiediti: "Dove posso migliorare?"

E con quella domanda – posta non con giudizio o rassegnazione, ma con curiosità e disponibilità – si comincia a farlo evolvere. Fai evolvere la tua pratica; fai evolvere la tua esperienza; evolvi la tua personalità. È allora che anche la tua realtà personale si evolve.

Chiunque abbia mai dominato nulla ti dirà che è stato un processo infinito di autoriflessione e applicazione. Un grande golfista non ha mai detto: “Non ce la faccio”, nemmeno quando era appena agli inizi. Sapevano già che era possibile; dovevano solo auto-correggersi fino a quando non lo erano fatto è possibile.

Quindi sii curioso. Essere aperto. E sii disposto a sfidare te stesso per saperne di più - su te stesso.

Noi crediamo

possibilità

il potere di cambiare noi stessi

la capacità del corpo di guarire

il raro

celebrare la vita

miracoli

un amore superiore

futuro

atteggiamento

prova

altro

l'invisibile

saggezza

I nostri figli

sincronicità

libertà

i nostri anziani

mente sulla materia

Credi? Unisciti al movimento

* Completando questo modulo ti iscrivi per ricevere le nostre e-mail e puoi cancellarti in qualsiasi momento