traduzione mancante: en.general.general.skip_content

Il carrello

Chiudi Carrello

Un aggiornamento da Hemal H. Patel, PhD

Dr Joe Dispenza / 03 dicembre 2021

An Update From Hemal H. Patel, PhD

Saluti tutti,

Per quelli di voi che non conoscono il mio caro amico e collega Dr. Hemal Patel, volevo prendermi un momento e presentarlo. È professore e vicepresidente per la ricerca presso il Dipartimento di anestesiologia dell'Università della California, San Diego. Ho pensato che sarebbe stato carino per lui aggiornarvi sui nostri progressi con le ricerche più attuali e passate che abbiamo fatto su tutti voi. Quindi, per quelli di voi che non lo hanno ancora incontrato, ecco il dottor Hemal.


Ciao Geni,

Poiché le vacanze si avvicinano rapidamente e l'anno volge al termine, sembra un buon momento per aggiornare la nostra comunità su ciò che sta accadendo con la nostra ricerca sulla meditazione presso l'Università della California, San Diego (UCSD). È stupefacente quante scoperte straordinarie abbiamo fatto in un così breve periodo di tempo, e sembra che non ci sia fine alle intuizioni che ci aspettiamo di ottenere negli anni a venire. A volte devo ricordare a me stesso che ho incontrato il dottor Joe solo due anni fa.

Come ricercatore e professore, nel mio lavoro parlo con molte persone durante il giorno e, poiché sono così sorpreso ed entusiasta di ciò che stiamo scoprendo nella comunità del dottor Joe, non posso fare a meno di condividere i risultati. Di solito inizio mostrando loro un piccolo pezzo di dati e, vedendo le loro mascelle a bocca aperta, la conversazione spesso si trasforma in un'esplorazione di più di un'ora dei risultati della nostra ricerca.

La reazione più comune che ricevo dagli scettici quando sono testimone degli approcci che abbiamo adottato, dell'enormità dei dati che abbiamo raccolto e dei risultati che abbiamo scoperto è di incredulità (me compreso). Alla fine queste conversazioni portano all'accettazione, per non parlare della curiosità di esplorare ulteriormente i benefici indicibili e di vasta portata della meditazione. Come dice il dottor Joe, "L'evidenza è la voce più forte".

 

L'evoluzione della nostra ricerca

Dopo la mia esperienza iniziale di una settimana a Orlando nell'aprile 2021, ho avuto la fortuna di partecipare a due ritiri avanzati di follow-up; uno a Marco Island a settembre e uno poche settimane fa a Denver. Questi eventi sono stati un vortice di attività, esperienze e ricerche, ricerche che ci hanno permesso di osservare l'impatto della meditazione sui cambiamenti molecolari e biochimici. Questo è eccitante perché in questa prossima evoluzione della nostra ricerca, abbiamo osservato che il Week Long Advanced Retreat ha il potenziale per far sembrare un meditatore alle prime armi un meditatore esperto. Il fatto che ciò avvenga in sette giorni è assolutamente sorprendente, per non parlare della testimonianza dell'esperienza e della dedizione degli studenti e della comunità del dottor Joe. Sembra che la maggior parte dei principianti che frequentano un ritiro avanzato di una settimana, che lo sappiano o meno, stiano facendo bene il lavoro.

Quando descrivo ad altri ciò che vedo durante gli eventi, emergono più volte un'osservazione: questa è una comunità di individui impegnati che mostrano uno scopo e una spinta. Quando c'è una lezione o una meditazione, gli studenti sono concentrati e tutti dentro, pronti ad allungare le loro menti e i loro cuori al livello successivo. Sono abbastanza sicuro che quando tengo conferenze alla UCSD, la maggior parte della classe guarda le ultime novità e le migliori su Netflix, controlla la posta elettronica o naviga sul web.

 

La domanda

Al Marco Island Advanced Follow Up Retreat, abbiamo posto la domanda, i meditatori esperti di lunga data e i neofiti coniati possono evolvere ulteriormente la loro biologia quando vengono spinti in un ambiente avanzato? Lo studio si è concentrato su circa 15 studenti esperti e li ha seguiti per tre giorni. I dati sul sangue sono attualmente in sospeso e speriamo di avere alcuni risultati da riportare nel nuovo anno.

Ciò che era evidente dai dati raccolti in loco, tuttavia, era che molti di questi individui avevano profondi cambiamenti nell'attività cerebrale durante la meditazione, ciò che chiamiamo "pop". Questi cambiamenti non erano anomalie o eventi rari, come ci si aspetterebbe, ma comuni e di routine. Subito dopo che questi soggetti hanno sperimentato il loro "pop", abbiamo prelevato campioni di sangue. Se è qualcosa di simile alla nostra scoperta preliminare con altri studenti che hanno avuto esperienze simili, ci aspettiamo di trovare qualcosa di sostanziale in questi campioni biologici. Aspettiamo con ansia i risultati!

 

Le scoperte

Alla fine dell'anno, stiamo per chiudere il capitolo sull'impatto della meditazione sull'infezione da SARS-CoV-2. Come promesso, racconterò l'incredibile storia di ciò che abbiamo scoperto, lasciandoti con un cliff hanger che verrà rivelato al Marco Island Week Long Advanced Retreat nel gennaio 2022. Ci sarà un live streaming gratuito durante l'evento venerdì, 14 gennaioth. Quindi segna il tuo calendario.

Negli ultimi mesi, ho riportato i risultati del sondaggio Meditation-Covid a cui molti di voi hanno partecipato. Il sondaggio ha raccolto risposte da ~ 3000 individui in rappresentanza di 66 paesi e i risultati rivelano alcune caratteristiche davvero uniche su Unlimited/Dr Comunità di meditazione di Joe. Prima di iniziare, è importante notare che la comunità è etnicamente diversificata (sono rappresentati sei dei sette continenti, forse pianificate una settimana in Antartide?), e anche di fronte a molte morbilità, la comunità ha una visione estremamente positiva della loro salute, così come un incrollabile impegno per la loro pratica di meditazione.

Analizzando questo ampio set di dati su 63 unità geospaziali in tutto il mondo in cui abbiamo avuto almeno 10 intervistati in una regione locale, vediamo una correlazione altamente significativa (p <0.001) tra la durata dell'esperienza di meditazione e la diagnosi positiva di Covid-19. Gli individui che hanno meditato per più di sei mesi hanno avuto una riduzione di oltre il 50% nella diagnosi di Covid-19 rispetto a coloro che non hanno mai meditato. Abbiamo anche trovato un collegamento tra il "dosaggio" della meditazione, nel senso che coloro che meditano una volta al giorno (dose grande) rispetto a una volta alla settimana (dose piccola) avevano meno diagnosi di Covid-19. Ancora più intrigante è il fatto che anche se i meditatori esperti hanno contratto il Covid, hanno avuto meno sintomi e si sono ripresi molto più velocemente. Questo è assolutamente incredibile da vedere attraverso il globo.

Per una serie di ritiri prima e durante il Covid, abbiamo raccolto sangue da controlli, nuovi meditatori e meditatori esperti e abbiamo sviluppato strumenti per convalidare questi dati di indagine sulla popolazione su scala molecolare. Questi campioni di sangue ci consentono di determinare se ci sono determinati fattori specifici indotti dalla meditazione che hanno un impatto sulla biologia virale SARS-CoV-2 e di correlare i risultati agli effetti che vediamo su Covid-19 nelle indagini sulla popolazione umana.

Lo abbiamo fatto creando pseudovirus che hanno la proteina spike di SARS-CoV-2 ma non contengono il resto del virus. Invece, abbiamo imballato questi virus con materiale genetico che produce una proteina rossa. Visto che il vero virus utilizza la proteina spike per legarsi e interiorizzarsi nelle cellule, questo pseudovirus ci consente di tracciare le dinamiche dell'infezione da SARS-CoV-2. Abbiamo anche usato le cellule epiteliali delle vie aeree polmonari (la prima cellula che il virus incontrerebbe se lo inspiri) per eseguire esperimenti di "trasferimento adottivo". Lo abbiamo fatto perché stavamo "adottando" l'esperienza ei fattori creati dalla meditazione in queste cellule umane che non hanno mai sperimentato la meditazione. Li abbiamo poi esposti al plasma sanguigno che abbiamo raccolto dai soggetti agli eventi. Dal momento che abbiamo plasma pre/post da controlli, principianti e meditatori esperti, potremmo guardare una varietà di controlli e condizioni sperimentali.

La cosa eccitante è che abbiamo scoperto che il plasma di meditatori esperti, raccolto dopo un ritiro avanzato di una settimana, conteneva fattori che impedivano allo pseudovirus di ottenere fra le le cellule. Abbiamo quindi testato questo contro l'effettivo virus SARS-CoV 2, così come la variante delta, e abbiamo trovato la stessa protezione usando il plasma dei meditatori esperti.

Successivamente abbiamo stabilito che se abbiamo riscaldato il campione, l'effetto è stato perso. Il riscaldamento del plasma, come la cottura di un uovo, provocherà la denaturazione (la distruzione) delle proteine. Se giriamo il plasma a forze elevate (100,000 g per 1 ora), possiamo raccogliere tutte le particelle solide e separarle dal fluido nel plasma. Abbiamo scoperto che quando abbiamo messo solo il fluido sul test adottivo delle cellule polmonari, non c'era protezione dal virus. D'altra parte, quando abbiamo messo la sostanza solida e più densa che è stata raccolta dal fondo della provetta sul test adottivo delle cellule polmonari, la protezione era presente. Questo ci ha portato a concludere che esiste una o più proteine ​​specifiche di meditatori esperti nel componente particolato del plasma che crea questa protezione contro SARS-CoV-2.  

Ora per il cliffhanger... sapendo che era una proteina, ci sono molti strumenti che possiamo usare per identificare le proteine ​​di interesse, quindi siamo letteralmente andati a pescare. Abbiamo eseguito un'immunoprecipitazione che utilizza l'anticorpo proteico spike come esca e abbiamo ripescato dai controlli, dai principianti e dai meditatori esperti prima e dopo la meditazione ciò a cui lo pseudo virus si lega nel plasma. Poiché l'effetto è stato visto nel seminario post-meditazione di meditatori esperti, ci siamo concentrati sul contenuto delle proteine ​​che abbiamo ripescato da questo gruppo.

Abbiamo identificato oltre 100 proteine ​​che si legano nel materiale complesso e che possono avere un potenziale interesse; tuttavia, guardando attraverso le diverse proteine, una ha attirato la mia attenzione. Abbiamo iniziato a esaminare direttamente questa proteina e le sue proprietà biologiche in dettaglio, il che spiega i dati che vediamo nell'indagine sulla popolazione umana e nel test dello pseudovirus. Da allora abbiamo convalidato il suo effetto in un sistema puro con studi di guadagno e perdita di funzione, nonché convalida del target. L'identità di questa proteina sarà rivelata durante il Livestream al Marco Island Week Long Advanced Retreat il 14 gennaioth, 2022, insieme al manoscritto completo dell'intero set di dati. La notizia entusiasmante è che stiamo pubblicando il nostro primo articolo per la revisione scientifica quasi alla stessa ora a gennaio. Ci aspettiamo che crei un enorme successo nella comunità della ricerca scientifica.

Ti ringrazio per aver letto questo aggiornamento. Vi ringrazio per il vostro impegno in questa comunità. Vi ringrazio per il vostro generoso incoraggiamento, supporto e interesse per questa ricerca. Mi è piaciuto incontrare così tanti di voi agli eventi e apprezzo le domande ponderate e le idee che portate. Se parteciperai a Marco Island nel gennaio 2022, non vedo l'ora di vederti lì, insieme al nostro talentuoso team di ricerca. Abbiamo tanti progetti interessanti in programma.

Abbi cura di te e continua a meditare per diventare il nuovo te stesso.

 

Tuo,

Hemal Patel

 

Nota: Encephalon invierà dettagli su come partecipare al livestream gratuito il 14 gennaioth più vicino alla data. Le informazioni per partecipare saranno pubblicate sul sito Web di Unlimited/Dr Joe Dispenza, sulle piattaforme di social media e inviate via e-mail. Si prega di contrassegnare i calendari e rimanere sintonizzati.

Se ti è piaciuto questo post del blog e vuoi saperne di più, il Dr. Hemal rivela ulteriori dettagli sulla ricerca nella sezione Notizie e aggiornamenti del nostro sito web. Scorri verso il basso il nostro Ricerca scientifica pagina per leggere l'ultima voce in Notizie e aggiornamenti sulla ricerca.

Puoi anche guardare L'ultima presentazione del Dr. Hemal al nostro ritiro avanzato della settimana di Denver di luglio 2021. E se vuoi avventurarti più in basso nella tana del coniglio, guarda I risultati della scansione cerebrale del Dr. Nick Dogris e del Dr. Tiff Thompson in quello stesso ritiro.


Se vuoi sostenere la ricerca, e dare un contributo deducibile dalle tasse, visita Dai alla ricerca.

Noi crediamo

possibilità

il potere di cambiare noi stessi

la capacità del corpo di guarire

il raro

celebrare la vita

miracoli

un amore superiore

futuro

atteggiamento

prova

altro

l'invisibile

saggezza

I nostri figli

sincronicità

libertà

i nostri anziani

mente sulla materia

Credi? Unisciti al movimento

* Completando questo modulo ti iscrivi per ricevere le nostre e-mail e puoi cancellarti in qualsiasi momento