traduzione mancante: en.general.general.skip_content

Il carrello

Chiudi Carrello

Parte 1. The Think Box (3D) vs Play Box (5D)

Joe Dispenza / 19 giugno 2020

Part1. The Think Box (3D) vs. Play Box (5D)

Sebbene il golf sia uno sport competitivo, ogni volta che salgo sui collegamenti, non sono io a gareggiare contro le altre persone del mio gruppo, sono io contro me stesso. Per me, il vero gioco del golf è un gioco interiore. Cosa voglio dire? Quando gioco a golf, gioco in due scatole: la mia scatola di pensiero e la mia scatola di gioco.

La Think Box

La mia scatola di pensiero è dove mi preparo per giocare a golf. Questo è quando faccio un passo indietro e guardo dove si trova la palla nel fairway. Nel processo, guardo verso il segnaposto sul green, valuto quanto sono lontano e prendo nota della pendenza del green. Se sono a 140 iarde, potrei scegliere un ferro da 7 o 8. Osservo il paesaggio e prendo nota di dove si trovano gli alberi, i laghi o le trappole di sabbia. Potrei raccogliere alcuni fili d'erba e lanciarli in aria per vedere da che parte soffia il vento.

Questo è l'inizio delle prove mentali che eseguo nella mia mente: rivedo tutti i singoli passaggi che devo mettere insieme per ricordare ed eseguire il mio swing migliore. Rivedo mentalmente come colpirò la palla, il crack che sentirò quando la mia mazza colpisce il punto debole della palla, quanto sarà fluido e senza sforzo il mio swing, la traiettoria che prenderà la palla, dove atterrerà, come sarà rimbalzerà, quanto sarà lontano dal perno e quanto mi sentirò bene quando vedrò che tutto si realizzerà. Sempre nella mia casella di pensiero, faccio alcuni esercizi per coinvolgere il mio corpo in modo che le mie azioni corrispondano alle mie intenzioni. Poi mi muovo nella sensazione, passo alla palla e metto tutto insieme.

In tal modo, entro nella mia scatola di gioco.

La scatola di gioco

Nella scatola del gioco, non ci sono pensieri. Ho fatto il lavoro, ho eseguito le prove mentali per preparare il mio cervello e il mio corpo all'atto prima dell'esperienza reale, e ho assimilato nella mia mente le informazioni richieste in una formula per il risultato che voglio creare - tutto questo ha avuto origine nella mia scatola di pensiero. Dato che non ho più bisogno di pensare, lascio andare e lascio che il mio corpo faccia il lavoro.

Quando sei nella tua scatola di gioco, ti sei già ricordato tutto ciò che devi sapere in modo da non dover analizzare, criticare o ripensare. Poiché hai già deciso cosa fare, il "gioco" diventa semplicemente l'esecuzione della prova mentale. Se fatto correttamente, il pensiero e l'azione si fondono in uno: il tuo comportamento e la tua intenzione si allineano. In questo momento sei così preso nell'atto di allineamento che crei l'esperienza nel tuo mondo esterno che avevi originariamente creato nel tuo mondo interno.

Questo processo della scatola del “pensiero” rispetto alla scatola del “gioco” è lo stesso processo che uso quando svolgo il mio lavoro nelle mie meditazioni. Nella mia casella di pensiero, pochi istanti prima di iniziare la meditazione (che si tratti di una meditazione seduta, in piedi o camminata), ripasso nella mia mente Perché Sto facendo il lavoro e che cosa Lo farò durante la meditazione quando entro nella mia scatola dei giochi. Quando capisci il file Perché che collaborano con noi, attingono direttamente dalla storia e dalla tradizione veneziana per poi che cosa, che diventa più facile.

Esamino anche io che cosa Voglio portare alla sessione particolare. Potrei voler affinare il respiro di tirare fuori la mente dal corpo. Potrei chiedere, Perché sto facendo il respiro? La scatola di pensiero mi dice di creare più energia nel mio cervello; per rilasciare l'energia delle emozioni indesiderate immagazzinate nel mio corpo; creare modelli coerenti di onde cerebrali gamma; per attivare la mia ghiandola pineale per il momento lucido, ecc. Poi penso alla mia tecnica, oltre che che cosa tipo di energia che userò quando respiro. Potrei chiedermi, che cosa tipo di passione o intensità voglio portare in questa sessione? Che voglio concentrare la mia mente su come migliorare? Poi ci penso che Lo farò e rivedo tutti i miei passi in modo da non doverci pensare quando comincio la meditazione. Quando entro nella mia scatola di gioco, voglio essere così presente e coinvolto nel processo di ciò che sto facendo che il pensiero e l'azione diventano una cosa sola. Questo è il momento in cui ti trovi per una nuova esperienza.

La prossima settimana vorrei istruirti in modo più specifico su come puoi farlo da solo in modo da poter ottenere maggiore valore e risultati nella tua pratica.

Leggi Parte II

Noi crediamo

possibilità

il potere di cambiare noi stessi

la capacità del corpo di guarire

il raro

celebrare la vita

miracoli

un amore superiore

futuro

atteggiamento

prova

altro

l'invisibile

saggezza

I nostri figli

sincronicità

libertà

i nostri anziani

mente sulla materia

Credi? Unisciti al movimento

* Completando questo modulo ti iscrivi per ricevere le nostre e-mail e puoi cancellarti in qualsiasi momento